Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza sconfitto al Menti, passa la Juve Stabia (2-1)

Cosenza sconfitto al Menti, passa la Juve Stabia (2-1)

Non è bastata ai lupi la rete di Essabr. Finisce la striscia positiva dei silani che chiudono l’anno fuori dalla zona playoff. Di Albadoro e Mezavilla le reti dei campani.

juve_stabia-cosenza

Giorgio Corona sbaglia un gol da
 due passi (foto Antonio Gargiulo)

Durissima la legge del Menti per il Cosenza che esce sconfitto dal match contro la Juve Stabia. I campani infatti hanno superato i rossoblù in una gara combattuta fino al novantacinquesimo. Nel primo tempo la squadra di casa è andata in rete con Albadoro mentre nella ripresa è stato Mezavilla a regalare il raddoppio a Braglia nel momento migliore del Cosenza. E’ servito a poco il gol di Essabr che ha provato a riaprire la gara. Il forcing finale infatti non ha sortito gli effetti sperati e i tre punti conquistati dalla Juve Stabia permettono ai campani di superare il Cosenza e chiudere l’anno in zona play off. Discorso inverso per i silani che salutano il 2010 con 25 punti, a due lunghezze di distanza dalla zona che conta. LA CRONACA:

Prima occasione pericolosa per i lupi con Biancolino che colpisce la sfera dai 35 metri senza trovare la porta. Risponde la Juve Stabia che sugli sviluppi di un corner si rende pericolosa con un colpo di testa di Fabbro controllato da De Luca. Ci prova al 5′ anche Corona che stoppa la sfera in area e reclama un rigore su un presunto tocco con la mano di Wagner. L’arbitro fa proseguire. Non si ferma la spinta dell’undici di Braglia. Al 7′ infatti Cazzola mette in mezzo un cross su punizione e Mezavilla da ottima posizione spreca clamorosamente. Un minuto dopo ci prova Giorgio Corona ma De Luca si accartoccia sulla sua sinistra e blocca la sfera calciata dai venti metri. Al 12′ Wagner fa fallo su ancora sulla punta di Braglia ma la punizione di Albadoro termina fuori. Al 18′ azione in velocità dei padroni di casa e palla per Corona che al volo conclude trovando un grande intervento di De Luca. E Fumagalli dall’altra parte non è da meno. Il numero uno dei campani infatti compie un autentico miracolo su un tiro ravvicinato di Biancolino nell’occasione più nitida del match per i silani. Sulla ripartenza però il Cosenza fa fallo per evitare di prendere il contropiede e Albadoro dai trenta metri supera De Luca portando in vantaggio al 20′ la Juve Stabia. Il Cosenza non accusa il colpo ed inizia a macinare gioco per arrivare subito al pari. Ci prova prima Mazzeo e poi Adriano Fiore con un tirocross fuori misura. Al 28′ però Albadoro pesca in area corona che calcia al volo splendidamente ma trova i guantoni saldi di De Luca che blocca. Ancora bravo il numero uno rossoblù. Al 31′ Pezzella sfonda sulla fascia destra e cerca la testa si Scognamiglio, anticipato bene da Wagner. I rossoblù non stanno a guardare e al 32′ Stefano Fiore prende palla in mezzo al campo, salta un uomo e dai venticinque metri lascia partire un bolide alto di poco sulla traversa. Al 35′ Somma opera il primo cambio. Fuori Roselli e dentro Degano che serve subito Biancolino. Il pitone calcia violentemente e Fumagalli compie un miracolo togliendo la sfera dall’incrocio. Ci prova il Cosenza che manovra a centrocampo e si rende pericoloso dalle parti del numero uno di casa. Al 40′ però su una ripartenza è Corona a provare un tiro terminato al lato della porta di De Luca. E’ terminato il primo tempo del Menti. Si riparte al Menti di Castellammare. Il Cosenza dovrà tirare fuori gli artigli per fare risultato. Al 52′ punizione di Fiore per la testa di Wagner ma Corona, migliore in campo, anticipa il difensore rossoblù e allontana la minaccia. Continua il forcing del Cosenza ma i lupi non riescono a concretizzare. E al 55′ nel momento migliore per i lupi, i padroni di casa ripartono in contropiede con Albadoro che serve Mezavilla, bravo a superare con un preciso tocco De Luca. Tutto in avanti il Cosenza che cerca di riaprire la gara. Somma inserisce anche Essabr che al 62′ sfrutta un cross di Matteini, stacca di testa e sfiora la traversa. Manovra il Cosenza che cerca il varco giusto ma i rossoblù non riescono ad impensierire Fumagalli, protetto da una linea difensiva attenta e pronta a fronteggiare gli attaccanti ospiti. Somma prova a modificare nuovamente lo scacchiere tattico. Fuori De Rose infatti e dentro Daud. E al 75′ ci prova Essabr ma la sua conclusione da posizione defilata si spegne a lato. Tre minuti dopo però il Cosenza rischia di subire il terzo gol ma De Luca mantiene la giusta freddezza e neutralizza il tiro di Corona lanciato in contropiede. Al 78′ però il Cosenza accorcia. Giacomini sfonda sulla fascia e crossa per Essabr che di testa fa secco Fumagalli. E due minuti dopo Biancolino cerca il pareggio ma il suo tiro termina di poco fuori. Tutto in avanti il Cosenza che cerca il pareggio. I rossoblù provano a sfruttare i tanti calci di punizione concessi dall’arbitro. All’86’ bolide di Degano, palla alta. Sul capovolgimento di fronte palla da Valtulina a Corona che fallisce clamorosamente calciando alto. Saranno cinque i minuti di recupero al Menti. Al 91′ fuga di Daud che calcia malissimo non inquadrando la porta da ottima posizione. Ancora lupi un minuto dopo con Essabr ma il suo colpo di testa trova pronto Fumagalli.

Il tabellino:
JUVE STABIA (4-3-3): Fumagalli; Fabbro, Molinari, Scognamiglio, Pezzella; Davì (47′ Pittaresi), Cazzola, Mezavilla (81′ Ubaldi); Danucci, Corona, Albadoro (62′ Valtulina). A disp.: Panico, Valtulina, Siragusa, Ubaldi, Gomes, Pavoletti, Pittaresi. All.: Braglia.
COSENZA (3-5-2): De Luca; Matteini, Wagner, Di Bari; A. Fiore (57′ Essabr), Roselli (35′ Degano), S. Fiore, De Rose (73′ Daud), Giacomini; Mazzeo, Biancolino. A disp: Galeano, Napolitano, Bernardi, Sommario, Daud, Essabr, Degano. All. Somma
ARBITRO: Marini di Roma I
MARCATORI: 20′ Albadoro, 55′ Mezavilla, 78′ Essabr.
NOTE: Presenti sugli spalti circa 3000 spettatori. Espulsi: Ammoniti: Degano, Pezzella. Corner: 4-2 Recupero: 1’pt, 5’st

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it