Tutte 728×90
Tutte 728×90

De Rose parla da leader: “Cosenza, voglio undici gladiatori”

De Rose parla da leader: “Cosenza, voglio undici gladiatori”

“Bisogna migliorare sotto il profilo della cattiveria agonistica”. E sulla trattativa con la Reggina. “Il salto di categoria fa piacere a tutti. Questa è la mia città e sto bene, ma se arrivasse la chiamata partirei”.

de_rose_impegnato_in_un_contrasto

Ciccio De Rose lotta su ogni pallone

Serve una scossa al Cosenza. La squadra, reduce da un punto raccolto al novantesimo con la Ternana, si prepara in vista della sfida di domenica contro la Cavese. I campani, a dispetto della classifica, hanno un buon collettivo e verranno in terra di Calabria per provare a strappare un punto ai silani. La truppa di Somma però non può permettersi passi falsi e a suonare la carica ci pensa Francesco De Rose. “Siamo consapevoli che non sarà una gara facile. Anche contro la Ternana si è vista più volte la nostra superiorità ma a volte pare che la palla non voglia proprio entrare in rete. Abbiamo  tre uomini preziosi come Mazzeo, Biancolino e Degano che non stanno rendendo al massimo. Non è colpa loro perché hanno sempre segnato e lavorano bene, ma in alcuni frangenti della stagione la fortuna ti volta le spalle. Sono certo che esploderanno cosi come resto dell’idea che questa squadra può far bene”. De Rose spiega la sua ricetta. “Dobbiamo avere più cattiveria agonistica. In questa categoria corri il rischio di perdere contro formazioni che non si avvicinano neanche al nostro tasso tecnico ma che hanno fame e voglia di combattere. E’ questo il profilo da migliorare perchè le nostre qualità non sono in discussione ma dobbiamo lottare su ogni pallone e in ogni partita”. Partendo sicuramente dal match contro la Cavese. De Rose non si fida di Schetter e soci. “Non sarà una gara facile perché i nostri prossimi rivali proveranno a crearci delle difficoltà. La prima cosa da fare è mettere alle spalle tutti i fattori extracalcistici e scendere nel rettangolo di gioco consapevoli che le prestazioni le disputiamo noi calciatori. Il resto lo faranno le nostre qualità e la voglia di vincere”. Sacrificio e grinta. La truppa rossoblù deve ripartire da questo. A tal proposito, De Rose, in caso d’emergenza potrebbe anche cambiar ruolo. Mister Somma anche per un solo secondo ha pensato di schierarlo sulla fascia al posto di Giacomini. Il centrocampista, cosentino doc, non fa drammi. “Non so ancora niente perché l’allenatore non mi ha ancora detto nulla a tal proposito. E’ chiaro che risponderò perché sono del parere che ognuno di noi deve dare il massimo per la squadra”. Chiusura dedicata al mercato e alla trattativa con la Reggina. “Non me ne occupo perché è il direttore a curare questi aspetti. Io devo fare bene con il Cosenza e per la maglia rossoblù. Con sincerità voglio chiarire che quando arriva una chiamata da una squadra di Serie B è difficile dire di no. Non voglio sembrare bugiardo, se la Reggina dovesse cercarmi con insistenza risponderò di si ma è inutile dire che penso al Cosenza e a conquistare tre punti domenica”.  (Francesco Palermo)

Related posts