Tutte 728×90
Tutte 728×90

Un piano per salvare il Cosenza

Un piano per salvare il Cosenza

Ieri riunione fiume. Per i giocatori previste una serie di proposte in base al contratto dei singoli. Mirabelli: “Ci verranno incontro, ma non vogliono più penalizzazioni”.

cosenza-pisa_049Ieri pomeriggio è stato messo a punto un piano per salvare il Cosenza Calcio 1914. Una specia di piano-Baraldi per intenderci. Per tutto il pomeriggio si è tenuto un lungo summit all’interno del San Vito al quale hanno partecipato la famiglia Carnevale, Mangiarano, il dg Mirabelli e suo fratello Claudio (commercialista). Si sono affacciati nelle segrete stanze anche Mimmo Toscano e Biancolino. “Stiamo definendo un piano che potrà garantire un futuro al Cosenza. – spiega Mirabelli dalle colonne di Calabria Ora – Dobbiamo guardare  in faccia la realtà e renderci conto che il tempo stringe. Abbiamo parlato con i calciatori e per fortuna ho riscontrato la massima disponibilità a fare dei sacrifici. Hanno chiesto solo una cosa in cambio: che la società garantisca loro di non ricevere più punti di penalizzazione”. Il termine massimo per pagare stipendi ed F24 relativi al periodo che va da ottobre fino a dicembre è il 14 febbraio, poi la Covisoc potrebbe deferire nuovamente i Lupi ed infliggere una nuova penalizzazione a cui andrebbe sommata la recidività. “Dobbiamo far sì che tutto ciò non avvvenga. Del piano è stato informato l’avvocato Chiacchio che si è detto favoravole indicando la soluzione da noi trovata come l’unica strada percorribile. L’ho già accennato al presidente Pagliuso – continua il dg – e quando martedì tornerà in città ci siederemo attorno ad un tavolino per discuterne. Martedì ci farà visita pure Chiacchio ed ovviamente parteciperà al summit”. Mirabelli infine spiega di cosa si tratta in concreto il progetto che è stato stilato. “I nostri tesserati si ridurranno l’ingaggio o sceglieranno di spalmarlo su più anni, magari con un piccolo allungamento di contratto che non graverà sulle nostre casse. Ribadisco che da parte loro c’è stata grande apertura. La società non può più sbagliare, c’è da garantire l’iscrizione al prossimo campionato”.  (cosenzachannel.it)

Related posts