Tutte 728×90
Tutte 728×90

Fiore illude il Cosenza, poi il Benevento fa sua la gara (3-1)

Fiore illude il Cosenza, poi il Benevento fa sua la gara (3-1)

Il capitano porta i lupi in vantaggio. Poi l’uno-due tremendo degli stregoni chiude il primo tempo. Nella ripresa tris di Bueno e rosso per Roselli. E nel prossimo turno al San Vito arriva la Nocerina.

fiore_segna_a_benevento

L’esultanza illusoria dei Lupi
a Benevento
(foto annfoto.it)

Non riesce a dare ossigeno alla classifica il Cosenza di Gigi De Rosa che dopo esser passato in vantaggio con una splendida rete di Stefano Fiore ha ceduto l’intera posta in palio ai sanniti. Il Benevento con un tremendo uno-due firmato da Clemente e La Camera ha ribaltato la gara nel primo tempo. Nella ripresa tris di Bueno su rigore dopo un rosso per Roselli, reo di aver colpito la palla con le mani. I lupi tornano a casa con una sconfitta pesante e un pò di amaro in bocca per il vantaggio costruito nei primi minuti e le ingenuità commesse sui gol dei padroni di casa. Da segnalare l’esperimento 4-4-1-1 di De Rosa che dopo venti minuti è stato accantonato per tornare alla difesa a tre. CRONACA: Al 1′ la prima conlcusione è di Biancolino che mette paura ai padroni di casa con un sinistro di poco fuori. Risponde subito e si rende pericoloso il Benevento al 5′ con Bueno che sfrutta un assist di Clemente e da buona posizione calcia in porta trovando un ottimo intervento di piede di De Luca. All’11’ però i lupi passano in vantaggio. Stefano Fiore prende palla sulla sinistra, fa 30 metri con la sfera incollata sul destro e calcia in porta superando Paoloni con una conclusione spettacolare che termina in rete dopo aver baciato il palo. Gol fantastico del capitano che mostra la maglia dedicando le rete a Piero Romeo, storico tifoso rossoblù scomparso di recente. La gioia dura poco e quando Pedrelli serve Clemente, l’attaccante stoppa di petto, elude Ungaro e supera De Luca in girata. I sanniti ci credono e si spingono in avanti. Clemente batte un calcio piazzato e trova i guantoni di De Luca che respinge centralmente. La difesa rossoblù resta ferma e lasciando La Camera libero di firmare il raddoppio. Gigi De Rosa non ci sta a perdere e cambia immediatamente. Fuori Ungaro e dentro Essabr al 24′: il calciatore marocchino va a fare la spalla di Biancolino nel 3-4-1-2. L’esperimento tattico del mister rossoblù, pertanto, è gia abbandonato. Al 29′ stregoni ancora pericolosi con Clemente che svetta su un preciso crossi di Pintori e spedisce la sfera di poco fuori. Risponde un minuto dopo il Cosenza con Stefano Fiore che salta un uomo e di sinistro mette in mezzo per la testa di Roselli, anticipato dalla presa al volo di Paoloni. Botta e risposta fra le due squadre al 34′. Per il Benevento ci prova Pedrelli che calcia fuori e sulla rimessa veloce S. Fiore confenziona una buona azione per il fratello che calcia a lato dalla sinistra. Nella ripresa serve il 60′ per annotare un’azione. Cross di Matteini e colpo di testa di Biancolino che il portiere del Benevento salva sulla linea. Il guardialinee però aveva fermato il pitone in sospetta posizione di fuorigioco. E’ ancora Biancolino a cercare la via del gol con una girata al volo su assist di Essabr, ma Paoloni non si fa sorprendere. La doccia fredda arriva al 73′. De Luca prova una uscita disperata e Roselli tocca la sfera di mano in area per impedire il gol. Bueno segna lo stesso ma l’arbitro aveva già fischiato decretando il rigore e l’espulsione di Roselli. Dal dischetto va lo stesso ex calciatore del Catanzaro che spiazza De Luca e mette la parola fine al match. Ultimo brvido poco prima della fine con Biancolino che cade in area su un leggerissimo contatto con Zito: non sembrano esserci gli estremi per il rigore. I Lupi tornano in Calabria consapevoli di dover moltiplicare gli sforzi per tirarsi fuori da una situazione pericolosa e che in gran parte è stata provocata dalle penalizzazioni.  (co. ch.)

Il tabellino:
BENEVENTO (4-2-3-1): Paoloni; Pedrelli, Signorini, Siniscalchi, Zito; Grauso, Bianco; La Camera (48′ Formiconi), Clemente (66′ Mounard), Pintori (46′ D’Anna); Bueno. A disp.: Corradino, Formiconi, Palermo, Pacciardi, D’Anna, Mounard, Evacuo. All.: Galderisi
COSENZA (4-4-1-1): De Luca; Ungaro (24′ Essabr), Thackray, Cotroneo, Fernandez; Matteini (67′ Giacomini), Roselli, Aquilanti, A. Fiore; S. Fiore (75′ Evola); Biancolino. A disp.: Marino, Scarnato, Giacomini, Evola, Degano, Martucci, Essabr. All. De Rosa
ARBITRO: Gavillucci di Latina 
MARCATORI: 11′ Fiore S, 18′ Clemente, 21′ La Camera, 73′ Bueno
NOTE: Spettatori circa 3500 di cui una sparuta rappresentanza rossoblù accolta con rispetto dalla tifoseria locale dopo il gesto distensivo dell’andata. Osservato un minuto di silenzio in ricordo del militare deceduto in Afghanistan. Espulsi: Roselli; Ammoniti: S. Fiore, A.Fiore, Fernandez, Roselli, Signorini; Corner: 1-2; Recupero: 1’pt, 3’st

Related posts