Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Gela: le pagelle

Cosenza-Gela: le pagelle

Ottima prestazione da parte di tutta la squadra che sotto la guida di Gigi De Rosa ha saputo cogliere i tre punti dopo mesi. Degni di nota Fernandez, Matteini e Stefano Fiore.

fiore_gol_contro_il_gelaa

L’esultanza del capitano dopo il gol dell’1-0 (foto mannarino)

La vittoria conquistata contro il Gela paradossalmente ha lo stesso sapore dell’ultima volta che si superarono i siciliani due anni fa. All’epoca si giocava per la promozione, adesso per la salvezza. In entrambi i casi c’è un comun denominatore: conquistare il diritto a giocare in Prima divisione. All’epoca dopo il successo sul team di Cosco era viva l’idea che il più fosse fatto, adesso non deve prevalere questo sentimento perché il cammino è ancora lungo. Gigi De Rosa è giusto che vada sotto i riflettori perché ha saputo costruire un piccolo capolavoro isolando la squadra da ogni discorso e intensificando il lavoro sul rettangolo verde. Le prestazioni di Fernandez, Matteini e Fiore sono state da applausi, ma quelle dei vari Roselli e Degano non hanno avuto niente da invidiare. Ecco tutti i giudizi nel dettaglio.
MARINO: voto 6 Normale amministrazione per lui. Respinge un tiro pericoloso nel primo tempo, poi nella ripresa sbroglia matasse a dire il vero poco ingarbugliate senza correre rischi.
UNGARO: voto 6 Svolge il suo compito senza sbavature. Da sottolineare il modo rude con cui non le manda a dire agli avversari quando si presentano dalle sue parti. Meglio nella ripresa.
COTRONEO: voto 6,5 Guida con acume tattico la retroguardia chiudendo diversi varchi a Docente. In avvio di gara balla un po’ come tutta la squadra, ma poi esce alla grande.
FERNANDEZ: voto 7 Niente da fare. Con l’argentino in queste condizioni sarà dura per qualsiasi avversario andare al tiro. Mette una pezza nel primo tempo quando il Gela arriva dalle parti di Marino, poi induce Ammirata a sostituire D’Anna perché annullato dalla sua prestazione.
MATTEINI: voto 7,5 Avrà fatto almeno cento volte su e giù sulla corsia destra. Se in fase di copertura raggiunge una semplice sufficienza, in possesso palla è devastante. Fornisce due assist dal fondo ed almeno altri tre vengono sprecati dai compagni. E’ l’uomo in più del Cosenza.
AQUILANTI: voto 6 Più ordinato rispetto alle precedenti uscite. Corre tanto e sbaglia di meno, proponendo anche qualche soluzione offensiva.
S. FIORE: voto 7 Il capitano fa stropicciare gli occhi al poco pubblico presente quando ha la palla al piede. Cambia gioco che è una bellezza, segna, corre fino al novantesimo e si carica i compagni sulle spalle. Uno spettacolo nello spettacolo.
ROSELLI: voto 7 Ha sette polmoni e li mette tutti a disposizione della squadra. Una pedina fondamentale per De Rosa. E’ la sua prestazione migliore in questo campionato.
GIACOMINI: voto 6 Rispetto a Matteini incide di meno, ma si vede che sta crescendo gara dopo gara con i terreni asciutti e la primavera.
DEGANO: voto 6,5 Nel primo tempo si fa tutto il campo palla al piede e coglie la traversa. Però la sua partita è ricca di spunti individuali e di fraseggi di ottima fattura. Prezioso più in rifinitura che sotto porta. Esce tra gli applausi: è la prima volta.
ESSABR: voto 6 Molto mobile, spazia su tutta la prima linea non dando punti di riferimento agli avversari. Sfiora il gol nel primo tempo. Fa quello che gli chiede il mister.

subentrati:
EVOLA: voto 6,5 Entra a gara in corso e crea scompiglio nella trequarti avversaria grazie ai suoi inserimenti. Anche lui sta entrando in forma e lascia ben sperare perché ha una discreta tecnica di base.
BIANCOLINO: voto 6.5 La curva lo contesta. Lui sostituisce Essabr e fa quel che basta a farsi acclamare: un gol. Era a secco dal 12 dicembre.
SCARLATO SV L’esordio dell’ex calciatore del Frosinone avviene a centrocampo. Una piacevole sorpresa.

DE ROSA: voto 7 Gigi si goda questa vittoria perché è merito suo. Il Cosenza non poteva desiderare un professionista migliore.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it