Tutte 728×90
Tutte 728×90

De Rosa: “Vittoria merito dei calciatori. Io li ho solo messi in campo”

De Rosa: “Vittoria merito dei calciatori. Io li ho solo messi in campo”

L’allenatore del Cosenza sceglie un profilo basso”Dobbiamo continuare su questa strada perché nelle zone basse della classifica è ancora bagarre e solo chi sarà più costante riuscirà a spuntarla”.

gigi_derosa_mister

Gigi De Rosa sta già preparando la trasferta di Lanciano (foto rosito)

E’ un ritorno in città dolce quello del Cosenza e di mister Gigi De Rosa che dopo la vittoria con il Gela può finalmente sorridere e preparare con un po’ di tranquillità in più il prossimo impegno. Il tecnico si gode la vittoria ma invita il gruppo a non abbassare la guardia. “Siamo soddisfatti perché nella settimana passata avevamo ribadito più volte l’importanza di un successo nel match con il Gela. Domenica questa vittoria è arrivata e siamo consapevoli del valore dei tre punti conquistati. I ragazzi hanno giocato bene mettendo il mostra uno stato di forma soddisfacente in un esame molto difficile. Anche chi è entrato dalla panchina ha dato un contributo validissimo ed è chiaro che se nel rettangolo di gioco riesci ad esprimerti al meglio i risultati arrivano. Ora dobbiamo pensare già al Lanciano senza fare calcoli. Dobbiamo andare lì e giocare al calcio con intensità e concentrazione. Solo così puoi strappare un risultato positivo contro una buona compagine”. De Rosa spiega come intende lavorare in questa marcia d’avvicinamento al prossimo match. “Faremo un lavoro fisico e aerobico e poi rivedremo e miglioreremo alcune situazioni tattiche. L’assenza di Giacomini mi costringe a trovare soluzioni alternative. Una di queste potrebbe essere il giovane Maglione ma con molta probabilità torneremo alla difesa a quattro. In questo caso vedo difficile un impiego di Fernandez sulla corsia laterale perché l’argentino ha caratteristiche da centrale. Ad ogni modo sarà importante mantenere alta la pressione sugli avversari e la concentrazione. Per loro la partita sarà l’ultima chiamata play off. Noi non pensiamo a questo ma a noi stessi e a far punti”. Poi una risposta secca a chi gli fa i complimenti per il cammino percorso fino a questo momento della stagione. “Non bisogna pensare a me ma stringere la mano ai miei giocatori. Nello spogliatoio hanno fatto quadrato e deciso di remare tutti nella stessa direzione. Io per loro sono una guida e li metto in campo ma sul terreno di gioco scendono i calciatori e quando vedi una squadra con questa voglia viene tutto più semplice”. Troppo modesto il tecnico che in chiusura lancia un appello alla tifoseria. “Domenica i nostri sostenitori ci hanno aiutato molto. Erano duemila persone pronte a spingerci alla vittoria. Il San Vito ci ha abituato ad altri spettacoli ma sono certo che se arriveranno risultati positivi la gente tornerà in massa a tifare per i colori rossoblù”. (co.ch.)

Related posts