Tutte 728×90
Tutte 728×90

Isocasa ad Agropoli per confermarsi grande

Isocasa ad Agropoli per confermarsi grande

Cosenza ritorna ancora una volta in terra campana in quella che sarà l’ultima trasferta della stagione, almeno per quanto riguarda la regular season.
Delta_Salerno-Cosenza3
I ragazzi di coach Carbone saranno in scena ad Agropoli, in un match tanto importante quanto delicato per entrambe le formazioni. La squadra campana, infatti, è stata tra le squadre più insidiose incontrate in questo campionato dai rossoblù, a giudicare anche dalla difficile gara d’andata, quando i cosentini si imposero solo all’ultimo quarto dopo una partita sofferta sin dall’inizio. Alla fine del campionato, e ai playoff, mancano solo due gare, e sia per i calabresi, che per i campani, non sarà di certo una fine facile. Dopo questo scontro tra le due formazioni, infatti, il Cosenza, riceverà in casa la visita della capolista Canicattì, mentre l’Agropoli se la vedrà in trasferta contro Gela. Tutto ancora da definire in chiave playoff, quindi, dal momento che di certa c’è solo la prima posizione, occupata da Canicattì; per tutto il resto, bisognerà aspettare l’ultima giornata di campionato, e non si escludono colpi di scena. Quella di domani, dunque, sarà una gara più che determinante ai fini delle aspettative playoff. I padroni di casa non si risparmieranno, anche perché reduci da una brutta sconfitta contro Racalmuto, e quindi bisognerà contenere la foga dei campani, e in particolar modo del playmaker RossiPose, che all’andata siglò ben 31 dei 76 punti finali. I rossoblu, d’altro canto, non concederanno nulla, e dopo un’intensa settimana di lavoro, contano sulla determinazione e soprattutto sulla concentrazione, che in partite di questo tipo è la cosa che assolutamente non deve mancare. Vietato sbagliare, quindi, in questa giornata; le aspettative per un match intenso ed emozionante ci sono tutte. Palla a due alle ore 18:00 di domani pomeriggio presso il Palasport ‘Andrea Di Concilio’ di Agropoli; i fischietti saranno affidati ai Sigg. Pietro Rodia di Avellino e Fabrizio Bencivenga di Napoli. (Gabriella Ruffolo)

Related posts