Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Andria: le pagelle

Cosenza-Andria: le pagelle

Partita viziata dal rigore non concesso ai rossoblù, ma la prestazione collettiva della squadra è stata al di sotto della sufficienza. Si salvano gli esterni e Roselli che ha dato l’anima.

fallo_rigore_per_il_cosenza

Il netto fallo da rigore che Coccia ha sanzionato tornando poi sui suoi passi (foto rosito)

Cosenza, un passo indietro. Anzi due. I rossoblù regrediscono dal punto di vista del gioco e perdono posizioni importanti in classifica. Se nel primo campo una giornata storta potrebbe anche capitare (ma non contro una diretta concorrente), nel secondo adesso servirà un miracolo per evitare i playout. La squadra ha giocato male risultando spesso lenta e senza idee. Insomma, finché l’Andria non è passata in vantaggio i Lupi hanno espresso una prestazione “vecchia maniera”, poi hanno creato una serie di palle gol non sfruttate. Complessivamente male la mediana i cui elementi non si sono inseriti nelle manovre d’attaco e troppo solo Biancolino che non è riuscito a venire a capo dalla marcatura stretta. Si salvano Giacomini e Matteini. I voti:
MARINO: voto 6
Quando è chiamato in causa svolge il suo lavoro e non fa correre mai pericoli alla retroguardia. Bene anche sulle palle alte, passa una domenica tranquilla se non fosse per quel maledetto rigore.
UNGARO: voto 5,5 Ci mette tanta grinta e cuore, ma alcune volte si fa trovare fuori posizione. Dal confronto con Statella però ne esce bene.
COTRONEO: voto 5 Sul giudizio pesa tantissimo il fallo da rigore che è costato la partita al Cosenza. Fino a quel momento non gli si poteva muovere neanche un appunto.
FERNANDEZ: voto 5.5 Meno sicuro di altre volte spreca qualche pallone di troppo lanciando nella terra di nessuno. Non è la determinazione che gli manca.
GIAOCOMINI: voto 6 A tratti si è rivisto quel giocatore devastante di inizio stagione. E’ riuscito a saltare l’uomo e a presentarsi sul fondo. I dolori sono arrivati al momento di crossare.
MATTEINI: voto 6 Deve concentrarsi soltanto sulla fase offensiva e la porta a compimento bene. Nell’uno contro uno dà vita a duelli interessanti con i diretti interessanti, ma nel primo tempo non serve Fiore quando poteva.
EVOLA: voto 5,5 Da lui è lecito attendersi inserimenti negli spazi e supporto agli attaccanti. Invece resta nel cerchio di centrocampo e sbaglia qualche appoggio in più del dovuto.
AQUILANTI: voto 5,5 Dal punto di vista della copertura ci siamo, ma il suo compito non può limitarsi a questo. Spesso si abbassa eccessivamente condizionando i compagni.
ROSELLI: voto 6 Fabio dà l’anima per la sua squadra ringhiando su chiunque passi dalle sue parti. Se avesse segnato quando la palla giusta gli capita sul piede il voto sarebbe lievitato di parecchio.
FIORE: voto 5,5 Nel giorno del suo compleanno non brilla più di tanto, ma ha delle attenuanti. Dal primo all’ultimo minuto gli viene riervato un trattamento poco signorile dai suoi ex compagni…
BIANCOLINO: voto 5 Stretto nella morsa della difesa dell’Andria non riesce a divincolarsi. E’ anche vero però che non gli arriva un pallone giocabile che sia uno.

subentrati:
ESSABR: voto 5,5 Come al solito dà maggiore vivacità alla prima linea dei Lupi, ma pure lui sotto porta sbaglia un gol facile.
DEGANO: voto 5,5 Trova spunti interessanti sulla destra, ma nel più dei casi sono fini a se stessi. Non arriva il salto di qualità.

DE ROSA: voto 5 Per il tecnico rossoblù prima insufficienza della stagione. I suoi uomini sono apparsi poco reattivi dopo le belle prestazioni offerte contro Lanciano e Gela. Biancolino, inoltre, è apparso isolato e l’equilibrio non può essere una scusante. Queste gare non si possono perdere, ma Gigi fa bene a recriminare. Basta guardare la foto per capire il perché…

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it