Tutte 728×90
Tutte 728×90

Rossoblù indenni a Siracusa (1-1). La classifica però non sorride ai silani

Rossoblù indenni a Siracusa (1-1). La classifica però non sorride ai silani

Brutta gara in terra di Sicilia. Davvero poche le emozioni. Al gol di Giacomini risponde Mancino su calcio di rigore. Rossoblù in piena zona play out. Per uscirne bisogna assolutamente far meglio.

Siracusa-Cosenza

Non riesce ai rossoblù l’impresa di sbancare il De Simone (foto zeferino)


Non una bella gara e soprattutto non un bel Cosenza. I rossoblù hanno sofferto il caldo e la disposizione tattica di una squadra che difende bene ma che non è certamente fra le migliori del campionato. La compagine di De Rosa, inoltre, ci ha messo un pò del suo, non disputando una gra gara e regalando agli aretusei un rigore. Il Cosenza infatti era passato in vantaggio con una rete di Giacomini ma cinque minuti dopo, al 38′ della prima frazione, Fernandez ha commesso fallo su Bongiovanni per un penalty, trasformato da Mancino che ha blindato il pari. Da li in poi il buio. Ne viene fuori un pari che fuori casa non è da buttare ma che in classifica serve a poco ad entrambe le squadre. Lupi quindi in piena bagarre playout ma la sperenza è che il progetto De Caro possa salvare la società e spingere la squadra a centrare la salvezza in campo. Da segnalare l’esordio del giovanissimo Gerace, classe ’93. La cronaca: Calcio d’avvio affidato all’ex Vincenzo Cosa con i primi cinque minuti che scorrono via a ritmi blandi.Il Cosenza è ben messo in campo e si difende con ordine ma non riesce ad impensierire la retroguardia aretusea. Per vedere la prima conclusione in porta bisogna aspettare il 14′. Spinelli prende palla sulla trequarti e scaglia un tiro verso la porta di Marino sbagliando di poco la misura. Due minuti dopo risponde il Cosenza. Punizione di Fiore e palla ribattuta sui piedi di Degano. Il giocatore ex Crotone trova una conclusione potente, ma Moi sventa la minaccia trovando una provvidenziale deviazione in corner. Al 22′ è ancora Cosenza. Matteini salta il diretto avversario sulla corsia di competenza e mette in mezzo con Degano che arriva in ritardo. Era una buona possibilità. Al 30′ ottima conclusione di Mancuso da posizione centrale. Marino è bravo nella parata. Al 33′ però i lupi passano. Stefano Fiore guadagna e calcia una punizione da posizione favorevole. Il capitano lascia partire un bolide respinto con difficoltà dalla retroguardia aretusea. Sulla ribattuta si fionda Giacomini che trova il tap in vincente regalando una rete fondamentale per i calciatori silani. Alla prima azione importante però i padroni di casa trovano il pari. Bongiovanni entra in area di rigore e Fernandez lo atterra. Dal dischetto va Mancino che realizza spiazzando il numero uno ex Reggina. Al rientro dagli spogliatoi i due tecnici non operano cambi. Va meglio la compagine di De Rosa che sembrano poter tenere in mano le chiavi del centrocampo non riuscendo comunque ad affacciarsi con insistenza dalle parti di Baiocco. Al 54′ taglio di Mancino per Cosa che insegue la sfera ma viene anticipato da Marino, lesto a calciare la sfera in fallo laterale. Cresce però la spinta degli ospiti che provano ad accendere il match. Matteini va sul fondo in due occasioni ma i suoi traversoni non sono sfruttati dagli attaccanti. Fiore intanto prova a rendere meno prevedibile la manovra. Al 72′ corner insidioso di Degano dalla destra, Fernandez manca il colpo di testa ingannando anche i compagni che non riescono a deviare la sfera in rete. Al 79′ Essabr riceve da Degano e serve Evola. La conclusione del centrocampista da fuori area è ribattuta da Ignoffo. Ne viene fuori un contropiede orchestrato da Mancino, ma Fernandez recupera e sventa la minaccia. Gigi De Rosa si gioca l’ultima carta: inserisce Cotroneo al posto di un Degano impalpabile ed avanza ad attaccante Matteini senza però ottenere l’effetto sperato.  Gigi De Rosa allora regala la gioia dell’esordio al giovanissimo Gerace, classe ’93. Ma è al 92′ che gli aretusei rischiano di far saltare il banco. Koffi riceve un assist di Mancino e cade in area. Per Bruno è simulazione, ma che spavento. Un match brutto in cui il Cosenza dopo esser passato in vantaggio ha perso una grossa occasione regalando un rigore ai padroni di casa.  (Francesco Palermo)

SIRACUSA (4-2-3-1):
Baiocco; Lucenti, Moi, Ignoffo, Pasqualini; Corapi (69′ Giordano), Spinelli; Bongiovanni, Mancosu (69′ Koffi), Mancino; Cosa (75′ Torregrossa). A disp.: Fornoni, Pepe, Capocchiano, Giordano, Desideri, Torregrossa, Koffi. All. Ugolotti
COSENZA (3-5-2): Marino; Ungaro (89′ Aquilanti), Fernandez, Thackray; Mattieni (90′ Gerace), Roselli, S. Fiore, Evola, Giacomini; Degano (80′ Cotroneo), Essabr. A disp.: De Luca, Musca, Cotroneo, Aquilanti, Sommario, Viscardi, Gerace. All.: De Rosa
ARBITRO: Bruno di Torino
MARCATORI: 33′ Giacomini, 38′ Mancino (Rig.).
NOTE: Spettatori: 1.500: paganti 394, abbonati 721; Incasso: 11.736 compresa quota abbonati; Ammoniti: Ignoffo (S); Giacomini (C); Cotroneo (C); Moi (S); Koffi (S); Corner: 4-2; Recupero: pt 1′ – st 3′

Related posts