Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Viareggio: le pagelle di Alessandro Renzetti

Cosenza-Viareggio: le pagelle di Alessandro Renzetti

Degano è stato determinante, Matteini devastante sulla fascia destra. Stefano Fiore avrebbe meritato il gol. Marino prima sbaglia regalando una rete e poi si esalta.

matteini_col_viareggio

Davide Matteini è stato una furia sulla fascia destra (foto mannarino)

Una giornata da incorniciare. E dire che le cose non erano iniziate nel migliore dei modi con Marino capace di combinarla talmente grossa da poter incidere in maniera devastante sul finale di campionato dei rossoblù. Poi, però, è alito in cattedra Degano. Dopo una stagione tra molti bassi e pochi alti, l’ex giocatore del Crotone ha incantato portando, di fatto, tre punti a casa. Giusto dare merito anche al tecnico De Rosa capace di capire il momento giusto per buttare nella mischia forze fresche e capaci di cambiare il volto alla gara.

MARINO: voto 6,5 Regalo una gioia a Calamai che poteva costare cara al Cosenza. Quando il pallone gli sfugge di mano e termina in rete gli cade il mondo addosso. Nella ripresa, però, si riscatta con gli interessi.
COTRONEO: voto SV La sua gara dura venti minuti. Un infortunio lo costringe alla doccia anticipata.
GIACOMINI: VOTO 6,5 Un treno. Avanti e dietro con una costanza che aveva contraddistinto le sue prestazioni ad inizio campionato. Gioia con grande mordente e ritorna su standard degni di nota.
THACKRAY: voto 6 Inizia da terzino destro. Con l’uscita di Cotroneo è costretto ad accentrarsi. Con Fernandez l’intesa non è al massimo ma riesce comunque a sopperire con la sua grande foga atletica.
FERNANDEZ: voto 6 Puntuale sul gioco aereo. In difficoltà quando viene preso in velocità. Per fortuna gli attaccanti del Viareggio graziano almeno in due circostanze i silani.
MATTEINI: voto 7,5 Una furia. In forma smagliante e tra i più reattivi e propositivi. Scienza opta per un classe ’90 (De Paola) in marcatura su l’ex Rimini. Mai errore fu più grande. Matteini è devastante e tra i migliori in una giornata da incorniciare.
AQUILANTI: voto 5,5 Soffre maledettamente l’inferiorità a metà campo. Raramente riesce a dettare i tempi del gioco.
ROSELLI: voto 6,5 Imposta e cerca di proporsi in avanti. Una gara di cuore anche se non sempre è preciso nei passaggi. Ma la sua presenza in campo si sente.
BIANCOLINO: voto 5,5 Non si vede quasi mai chiuso nella morsa di Massoni e Fiale. Ha l’occasione per segnare nel primo tempo ma è poco fortunato.
FIORE S.: voto 7 Giocate deliziose. Determinante nel gol di Degano che regala i tre punti. Meriterebbe un gol che purtroppo non arriva.
FIORE A.: voto 5,5 Gioca in un ruolo non suo e si vede. Fatica a trovare il ritmo gara.

DE ROSA: voto 7 L’inizio è tutt’altro che felice. Lui non si scompone e carica la squadra per una rincorsa batticuore. Determinanti gli ingressi di Evola e Degano. Soprattutto quest’ultimo è stato il vero mattatore di giornata.

Subentrati:
MUSCA: voto 6 Fa il suo. Nulla più. A volte esagera negli interventi.
EVOLA: voto 6,5 Mette ordine e da ritmo al gioco dei silani. Unica pecca: spreca due buone occasioni da posizione congeniale.
DEGANO: voto 8 Devastante. Due gol ed una vittoria da portare con sé. Non esulta e bisognerebbe capire il perché. Due reti così belle andrebbero festeggiate nel migliore dei modi.

Degano determinante e Matteini devastante. Fiore avrebbe meritato il gol. Marino prima sbaglia regalando un gol e poi si esalta.

Una giornata da incorniciare. E dire che le cose non erano iniziate nel migliore dei modi con Marino capace di combinarla talmente grossa da poter incidere in maniera devastante sul finale di campionato dei rossoblù. Poi, però, è alito in cattedra Degano. Dopo una stagione tra molti bassi e pochi alti, l’ex giocatore del Crotone ha incantato portando, di fatto, tre punti a casa. Giusto dare merito anche al tecnico De Rosa capace di capire il momento giusto per buttare nella mischia forze fresche e capaci di cambiare il volto alla gara.
MARINO: voto 6,5 Regalo una gioia a Calamai che poteva costare cara al Cosenza. Quando il pallone gli sfugge di mano e termina in rete gli cade il mondo addosso. Nella ripresa, però, si riscatta con gli interessi.
COTRONEO: voto SV La sua gara dura venti minuti. Un infortunio lo costringe alla doccia anticipata.
GIACOMINI: VOTO 6,5 Un treno. Avanti e dietro con una costanza che aveva contraddistinto le sue prestazioni ad inizio campionato. Gioia con grande mordente e ritorna su standard degni di nota.
THACKRAY: voto 6 Inizia da terzino destro. Con l’uscita di Cotroneo è costretto ad accentrarsi. Con Fernandez l’intesa non è al massimo ma riesce comunque a sopperire con la sua grande foga atletica.
FERNANDEZ: voto 6 Puntuale sul gioco aereo. In difficoltà quando viene preso in velocità. Per fortuna gli attaccanti del Viareggio graziano almeno in due circostanze i silani.
MATTEINI: voto 7,5 Una furia. In forma smagliante e tra i più reattivi e propositivi. Scienza opta per un classe ’90 (De Paola) in marcatura su l’ex Rimini. Mai errore fu più grande. Matteini è devastante e tra i migliori in una giornata da incorniciare.
AQUILANTI: voto 5,5 Soffre maledettamente l’inferiorità a metà campo. Raramente riesce a dettare i tempi del gioco.
ROSELLI: voto 6,5. Imposta e cerca di proporsi in avanti. Una gara di cuore anche se non sempre è preciso nei passaggi. Ma la sua presenza in campo si sente.
BIANCOLINO: voto 5,5. Non si vede quasi mai chiuso nella morsa di Massoni e Fiale. Ha l’occasione per segnare nel primo tempo ma è poco fortunato.
FIORE S.: voto 7. Giocate deliziose. Determinante nel gol di Degano che regala i tre punti. Meriterebbe un gol che purtroppo non arriva.
FIORE A.: voto 5,5. Gioca in un ruolo non suo e si vede. Fatica a trovare il ritmo gara.

ALL. DE ROSA: voto 7. L’inizio è tutt’altro che felice. Lui non si scompone e carica la squadra per una rincorsa batticuore. Determinanti gli ingressi di Evola e Degano. Soprattutto quest’ultimo è stato il vero mattatore di giornata.

Subentrati:
MUSCA: voto 6. Fa il suo. Nulla più. A volte esagera negli interventi.
EVOLA: voto 6,5. Mette ordine e da ritmo al gioco dei silani. Unica pecca: spreca due buone occasioni da posizione congeniale.
DEGANO: voto 8. Devastante. Due gol ed una vittoria da portare con sé. Non esulta e bisognerebbe capire il perché. Due reti così belle andrebbero festeggiate nel migliore dei modi.

Related posts