Tutte 728×90
Tutte 728×90

Melito e Citrarum in finale

Melito e Citrarum in finale

Il fattore campo da ragione alle squadre posizionatesi in classifica meglio nella stagione regolare promuovendo alla doppia finale Melito e Citrarum.
foto_generica1
Il team di mister Franco vince con fatica la resistenza di una tonica ed agguerrita Città di Rende palesando una prestazione inferiore a quella di sabato scorso. Il Citrarum, invece, travolge una incerta Odissea tenendo ribaltando il passivo patito a Rossano sin dalla fasi iniziali. In sintesi la gara di Melito quella che sembrava dal risultato più scontato si è, invece, rivelata la più intensa ed equilibrata. Dopo un lungo braccio di ferro l’incontro, viene sbloccato al 15′ da Pratticò. Veemente la reazione dei rendesi che, dopo soli 2′ pareggiano il conto con Perri. Il botta e risposta induce alla prudenza entrambe le formazioni ma, prima del riposo al 29′ Olivieri fa centro riportando avanti il Melito. Anche la ripresa si conferma avvincente con il Città di Rende pronto a sfruttare ogni minima indecisione cosa che capita al 7′ quando un errore in fase offensiva dei reggini consente a Fabio Cipolla di riequilibrare il risultato, grazie all’assist del fratello Francesco. Questa fase di stallo continua per diversi minuti con gli ospiti che, alternativamente giocano la carta del portiere di movimento. La svolta al 28′ con un bolide di Toscano che s’insacca nel sette siglando il parziale 3 a 2. Nel poco tempo rimasto il Città di Rende si ripropone con il portiere di movimento ed al 30′ ne raccoglie i frutti pareggiando con Salerno. I minuti di recupero sono ad alto pathos ma, al 32′ una rapida giocata di rimessa di Toscano viene concretizzata in rete chiudendo di fatto la sfida. Visto l’andamento dell’incontro di Melito pochi brividi sono venuti dal match tra Citrarum vs. Odissea 2000 (foto a sinsitra). Preceduti dal minuto di raccoglimento in memoria di Peppino Amodeo, padre del giocatore rossanese le squadre si approcciano, inizialmente alla gara, in maniera prudente. I padroni di casa privi della guida tecnica di Alessandro Stancati costretto a dare forfait per motivi personali pochi minuti prima l’inizio del match dopo questa iniziale fase di studio, rompono gli indugi aprendo le marcature al 10′ con Bruno. I rossanesi accusano il colpo e su madornale errore di Labonia che, perde palla al limite dell’aera, subiscono il raddoppio ad opera di Pellegrini. Lo stesso giocatore tirrenico pochi secondi dopo, concede il bis con un preciso tiro all’incrocio dei pali. n appena 13′ l’Odissea vanifica le due reti in dote per cui, riorganizzate le fila al 15′ accorcia le distanze con Apprezzo abile nel ribadire in rete la respinta del portiere Garofalo su precedente tiro di Rocha. L’incontro s’infiamma con ripetute occasioni da goal. Al 17′ Nardi a portiere battuto colpisce la traversa. Al 21′ Pellegrini non sbaglia e con un diagonale di sinistro allunga sul 4 a 1. Il brasiliano Rocha prova a scuotere i compagni e con un assolo realizza il 4 a 2. Al 27′ il Citrarum ridimensiona le altrui aspettative beffando l’incerto Bianco. Nei pochi minuti che precedono l’intervallo Morrone prima ed Apprezzo dopo si fanno ipnotizzare dall’estremo difensore Garofalo chiudendo i primi 30 sul 5 a 2. Molto più movimentata la seconda parte di gara giocata sotto la pioggia. Al 5′ il giovane Amodeo tiene deste le speranze dell’Odissea riducendo il divario. L’illusione dura poco infatti al 9′ ed al 15′ Pellegrini imprime il decisivo allungo portando il punteggio sul 7 a 3. Al 17′ un errore in fase difensiva di Labonia spiana la strada all’ottava marcatura realizzata da Bruno. Lo stesso Bruno al 19′ direttamente su punizione beffa Bianco fissando il parziale sul 9 a 3. Con il match compromesso il tecnico Tuoto, schiera Rocha come portiere di movimento ed al 24′ riduce le distanze con Sapia. La partita è un continuo tiro al bersaglio tant’è che, al 25′ è Bruno (foto a destra) a portare in doppia cifra il Citrarum. Il quintetto di casa dilaga realizzando al 26′ l’undicesima rete con Nardi. Al 27′ Labonia fallisce il tapin vincente a porta vuota mentre, non sbaglia Apprezzo che al 28′ sigla il quinto goal. Il festival delle reti non finisce qui e nei minuti di recupero si contano altre quattro segnature. Al 31′ Sapia, al 33′ Bruno (C) ed infine al 34′ Apprezzo e Sapia chiudono con il definitivo 12 a 8. (ilpalloneinrete.it)

Playoff
F. Melito-Città di Rende 4 – 3 (and. 2 – 1)
Citrarum-Odissea 2000 12 – 8 (4 – 6)

FINALE (07/05) – (14/05)
Citrarum – F. Melito

Related posts