Tutte 728×90
Tutte 728×90

Funari grida la sua rabbia: “Sono indignato”

Funari grida la sua rabbia: “Sono indignato”

L’amministratore unico del Cosenza risponde al comunicato diffuso ieri dal gruppo di imprenditori e sottolinea: “Temevo che non volessero salvare il club, ne ho avuto la prova”.

funari_con_bilancio_in_mano

L’amministratore unico del Cosenza Calcio 1914 Eugenio Funari (foto rosito)

Eugenio Funari al telefono non perde la calma, ma si sente lontano un miglio che vorrebbe urlare ai quattro venti la sua rabbia. Nel comunicato diramato ieri da Citrigno per contro degli imprenditori che portavano avanti l’operazione-salvataggio viene chiamato in causa direttamente. “Sono indignato e lo sono tanto. Mi sembra assurdo che adesso mi venga espressa fiducia quando nel corso delle poche riunioni alle quali partecipai anche io mi fu detto senza giri di parole che non avrei dovuto fare parte del loro progetto. Sin dal primo minuto ho avuto la sensazione e il timore che qualcuno di loro volesse tornare ad essere parte attiva della società non per poter garantire un futuro al Cosenza, ma per rimediare ad eventuali errori commessi in passato. Purtroppo ne ho avuto la prova”. L’amministratore unico adesso dovrà gestire una situazione disperata che sembrava potesse essere risolta a breve. “I calciatori avevano fatto un passo decisivo verso il gruppo di imprenditori e secondo me bisognava discutere solo dei contratti futuri. Contattare chi non veste più la casacca rossoblù, poi, non era compito mio o degli atleti, visto che se ne stavano occupando Citrigno e Mangiarano. Se penso a questo aspeto mi indigno ancora di più”. Parlare di cosa avverrà adesso significa mettere il dito nella piaga. Pare che per domani verrà resa pubblica la posizione ufficiale da parte della società e forse anche dei giocatori. “Non lascerò niente di intentato – chiude Funri – e proverò in tutti i modi a venire fuori una situazione disperata. I tifosi possono stare certi che non guarderò in faccia nessuno e che aggredirò legalmente i responsabili di qualsiasi operazione che rileverò aver arrecato danno al Cosenza Calcio nel corso degli ultimi anni”.  Ancora nulla di certo, invece, sulla decisione che prenderanno Biancolino e soci riguardo gli allenamenti e la trasferta di Viareggio. (cosenzachannel.it)

Related posts