Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, sono giorni decisivi

Cosenza, sono giorni decisivi

Mancano pochi giorni per le prime scadenze. Entro il 30 giugno bisognerà presentare la documentazione e versare 29mila euro per non essere subito esclusi dai campionati professionistici. Citrigno e Leonetti intanto hanno raggiunto i locali della Provincia.
de_caro_citrigno_e_carnevale
Inizia la settimana decisiva per le sorti del Cosenza calcio 1914. Tutti gli sportivi rossoblù stanno aspettando con ansia che si muova qualcosa intorno alla società di Viale Magna Grecia sperando che qualcuno faccia la mossa decisiva per salvare il calcio nella città dei Bruzi e non finire nuovamente nell’inferno dei dilettanti. Tutte le speranze sono riposte nell’imprenditore Franco De Caro e nell’ex presidente Peppino Carnevale che sembrano gli unici, stando ai fatti degli ultimi mesi, in grado di poter risollevare le casse societarie e garantire così un futuro al Cosenza calcio 1914. Ci avviamo alla settimana che porta al 30 giugno giorno in cui bisognerà presentare la domanda di iscrizione al prossimo campionato con gli assegni di 29mila euro pena l’esclusione immediata dai campionati professionistici. Senza dimenticare che poi ci sarebbero da pagare i calciatori e la cifra con una transazione si aggirerebbe intorno ai 4-500 mila euro, la rateizzazione di Empals e altri tributi non pagati, per una prima rata di circa 200mila euro e un fidejussione da 300mila euro. Tutto ciò per mantenere il professionismo a Cosenza. La data ultima per mettersi in regola è fissata per il 12 luglio. Se per quel giorno non si sarà risolto nulla il Cosenza dovrà dire addio al professionismo. Adesso tutti da Franco De Caro a Peppino Carnevale passando per Chianello, Citrigno e Filippelli dovranno trovare un’intesa perchè non c’è più tempo per le parole, è arrivato il momento di fare le cose per bene e in brevissimo tempo sempre se c’è la reale intenzione di voler salvare il Cosenza calcio 1914. Nel frattempo questa mattina era previsto un incontro in Provincia tra il presicente Mario Oliverio e Franco De Caro. Il costruttore avrebbe dovuto chiedere un aiuto alle istituzioni per chiudere i conti e permettere al Cosenza calcio 1914 di iscriversi al prossimo campionato di Lega Pro. L’incontro è slittato e Pino Citrigno e Aristide Leonetti sono arrivati intorno alle 13 nei locali della Provincia. (cosenzachannel)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it