Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, è ora di darsi una mossa

Cosenza, è ora di darsi una mossa

Citrigno chiama tutti a raccolta. “De Caro non ha mollato ma ha bisogno di persone pronte a dargli una mano. Bisogna sensibilizzare le istituzioni e la classe imprenditoriale cosentina. Il costruttore però non deve essere lasciato da solo”.
Citrigno_pINO
Sono giorni caldi per i tifosi del Cosenza Calcio. Dopo la domanda d’ammissione alla prossima stagione, presentata regolarmente ieri, é ora di procedere con la fideiussione da 300.000 euro e con le altre garanzie da presentare per evitare la catastrofe. Il tempo stringe e l’incubo vissuto nel 2003 diventa sempre più pesante. Nonostante tutto però, la situazione è in fase di stand by e al momento non arrivano notizie confortanti. Gli amministratori rossoblù, insieme a De Caro, stanno provando a stringere contatti con imprenditori e con le istituzioni ma al momento non ci sono garanzie e bisogna accelerare i tempi per presentarsi con l’abito migliore alle scadenze fissate dalla Lega. A fare il punto della situazione è stato Pino Citrigno che a distanza di pochi giorni ha lanciato l’ennesimo appello. “E’ un momento molto delicato ma esistono le possibilità per chiudere questo capitolo e andare avanti. C’è bisogno dell’aiuto di tutti però”. Queste le prime parole dell’ex presidente che poi precisa. “Franco De Caro ha più volte manifestato la volontà di fare il massimo per salvare il club ma è un dovere di tutti stargli vicino e trovare altre risorse per facilitare il suo compito. Abbiamo avuto colloqui con le istituzioni. La Provincia è pronta a darci una mano e anche il sindaco si muoverà. E’ fondamentale però l’apporto di altri imprenditori. C’è bisogno di figure pronte a sensibilizzare la classe imprenditoriale e di professionisti pronti a contribuire anche con piccole cifre perché il traguardo non è irraggiungibile”. Continuano quindi gli appelli e gli incontri per archiviare positivamente il capitolo iscrizione. Le scadenze però sono incombenti e la sensazione è che il week end alle porte aprirà una settimana caldissima per gli addetti ai lavori e i sostenitori di fede rossoblù. Le possibilità di salvare il club non sono così remote. Il primo passo è stato fatto ieri ed è indicativo della volontà di presentare il Cosenza ai blocchi di partenza della prossima Seconda Divisione. Il tempo delle chiacchiere però è finito e in bene o in male la sentenza è ormai alle porte. La situazione è chiara. De Caro è pronto ad investire una cifra importante e le istituzioni sono decise a dargli una mano. Serve però un progetto serio, imprenditori pronti a farsi avanti in maniera decisa e un gruppo unito in grado di garantire la cifra che serve a salvare il club e a creare una società che non dovrà sopravvivere ma avere programmi ben delineati. Difficile. Ma non irrealizzabile. (f.p.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it