Tutte 728×90
Tutte 728×90

E’ Stefano Casale il volto nuovo per il Cosenza

E’ Stefano Casale il volto nuovo per il Cosenza

L’ex calciatore rossoblù da anni risiede in città svolgendo attività imprenditoriale. Avrebbe manifestato l’interesse concreto a costruire un progetto. A breve previsti degli incontri.

casale_stefano

Stefano Casale nel 2002-2003. Si potrebbe ripartire da lui (foto tratta dal web)

Partendo dal presupposto che il tentativo di Funari di mantenere in vita il Cosenza 1914 nato dalle ceneri del Rende Calcio è più fantasia che altro, si lavora già al futuro. C’è da garantire una nuova squadra alla città e soprattutto un’operazione di rilancio che non preveda le figure dirigenziali che hanno avvelenato l’ambiente negli ultimi anni spaccando la città in due fazioni. Sui media locali c’è l’orientamento a guardare avanti cercando di comprendere come uscire nel migliore dei modi dalla vacatio sportiva che si è improvvisamente creata. Questa mattina il Quotidiano della Calabria riporta un’importante indiscrezione circa i possibili scenari. Fermo restando la centralità della figura di Stafano Fiore in un qualsiasi progetto di natura tecnica (lo vuole la gente e il dieci è l’unico protagonista attorno al quale la tifoseria si ricompatterebbe), per quanto riguarda la parte societaria si fa largo l’ex calciatore Stefano Casale. Ha vestito la maglia dei Lupi nella sfortunata stagione 2002-2003, culminata poi con il fallimento del club, e vestito brevemente i panni del direttore generale all’epoca di Intrieri. Indimenticabile la sua doppietta al Napoli in un San Paolo gremito da almeno 1500 cosentini. Casale avrebbe fornito all’amministrazione comunale, che per bocca dell’assessore Vizza ha già voltato pagina chiudendo con Funari, già un’ampia disponibilità a mettersi a lavorare per la costruzione di una società affidabile che si regga su forze proprie senza dover sperare negli incassi al botteghino come negli ultimi anni è stata la prassi. L’ex centrocampista di Lecce e Sampdoria ha messo radici in città ed ha interessi nel campo delle costruzioni e negli appalti di servizi. Le sue referenze sono buone e vanta amicizie importanti nel mondo del calcio per poter allestire una compagine agguerrita. Sono attesi degli sviluppi sia a livello di contatti con le Istituzioni che con l’entourage di Stefano Fiore. Di pari, l’idea potrebbe essere sostenuta da un paio di sponsorizzazioni importanti come quelle dei fratelli Aiello. Per iscriversi alla serie D, oltre alla spinta del sindaco Occhiuto in Lega, servirebbe produrre una fidejussione di 300mila euro a garanzia. (cosenzachannel.it)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it