Tutte 728×90
Tutte 728×90

Serie di incontri in Comune, la situazione è in evoluzione

Serie di incontri in Comune, la situazione è in evoluzione

Occhiuto, Vizza e Potestio hanno visto a Palazzo dei Bruzi alcuni imprenditori ed hanno parlato con loro anche dell’ipotesi della nuova squadra di calcio. “Siamo a livello di incontri informali”.
occhiuto_sindaco
Dopo l’indiscrezione uscita fuori ieri mattina riguardante l’interessamento dell’ex calciatore Stefano Casale a formare una compagine dirigenziale, o perlomeno a fare parte di una nascitura società, arrivano segnali contrastanti. Ad una dichiarazione di conferma diretta sul Quotidiano della Calabria da parte dello stesso Casale che parla “di una fase embrionale” dell’operazione, ne arriva una in senso opposto sulla sua bacheca di facebook: “ringrazio tutti gli amici per la stima ma non sono interessato al Cosenza calcio perché questo mondo ha fatto parte del mio passato oggi faccio altro”. Ad ogni modo qualcosa si sta muovendo perché ieri pomeriggio in comune si è tenuto un incontro al quale hanno partecipato diversi componenti dell’imprenditoria cittadina. Tra i vari argomenti si è discusso anche (e soprattutto?) di Cosenza e di come far ripartire il calcio all’ombra della Sila. Ad oggi, tuttavia, non c’è niente di concreto. L’obiettivo dell’amministrazione comunale è riuscire a mettere assieme le forze che da otto anni ormai sono accostate di sovente al club e che mai hanno fatto il passo decisivo perché non ne intravedevano le basi. Basti pensare ai vari Mazzuca, Malizia, Aceto, Aiello, Marchese ecc… che potrebbero comporre una compagine dirigenziale di alto spessore. Importanti punti di riferimento sarebbero anche i vertici della Camera di Commercio, di Confindustria e di Confesercenti. Ad ogni modo, su Calabria Ora è l’assessore Vizza a fare chiarezza su quanto avvenuto ieri a Palazzo dei Bruzi. «Il sindaco sta tessendo una serie di rapporti, però al momento possono essere considerati soltanto informali – dice – Dove giocherà il Cosenza? Questo non sono in grado di dirlo con certezza perché dipende dal gruppo imprenditoriale che andrebbe a sostenere il progetto. Qui non possiamo parlare di serie D o di Eccellenza: la categoria sarà diretta conseguenza della forza economica di coloro che reggeranno le redini della società». Bocche cucite sugli appuntamenti già fissati in agenda. «Non c’è nulla di significativo e ribadisco che i colloqui devono essere ritenuti puramente informali e non vincolanti a qualcosa».  (co. ch.)

Related posts