Tutte 728×90
Tutte 728×90

Alle 10 dal notaio per il nuovo Calcio Cosenza. Ieri cena Occhiuto-Fiore

Il vertice a Palazzo dei Bruzi ha creato i presupposti per la fumata bianca. Primo incontro informale anche con l’entourage di Stefano Fiore. Da Roma rassicurazioni per la D.
cosentini_a_pescara
La “nuova” società del Cosenza è pronta per essere costituita. L’appuntamento che darà vita alla creatura è fissato per le dieci dal notaio De Santis. Gli imprenditori che sono stati cooptati dal sindaco Occhiuto e che grazie al lavoro certosino dell’assessore Vizza e del capo di gabinetto Potestio hanno sposato l’idea di rilanciare il calcio in città, formeranno una società di capitale. Vale a dire una S.r.l. Il nome scelto dovrebbe essere Società Sportiva Calcio Cosenza, denominazione che ricorda quella del Napoli targato Aurelio De Laurentiis. Il summit pomeridiano di ieri a Palazzo dei Bruzi è iniziato attorno a mezzogiorno ed è proseguito fino a dopo pranzo. Da quanto trapelato sarebbe stato raggiunto l’accordo anche per la suddivisione delle quote e la composizione del nuovo organigramma del Consiglio d’amministrazione. Passo successivo, importantissimo, è stato il colloquio che tra Silletta, Vizza, Potestio hanno avuto con Aristide Leonetti, manager di Stefano Fiore. A nome della dirigenza che vedrà luce tra poche ore gli è stato comunicata la volontà del futuro club di affidare all’ultimo capitano dei Lupi l’intera gestione dell’area tecnica. In serata, poi, si è registrata la cena tra il sindaco Occhiuto e Stefano Fiore dopo che il numero dieci è stato convocato dall’inquilino principlae di Palazzo dei Bruzi. I due, assieme all’entourage dell’ex azzurro, hanno “invaso” piazza Duomo trascorrendo una piacevole serata. Il primo cittadino era appena tornato da Roma dove ha incontrato importanti personalità dello sport, ma non Tavecchio che si trova all’estero per impegni precedentemente presi. Contattato telefonicamente dai vertici della Figc il presidente della Lega Nazionale Dilettanti ha fornito ampie garanzie al Cosenza per quanto riguarda l’iscrizione alla serie D dove, come noto, non ci sarà il Catanzaro che ha ottenuto il via libera dal Tnas a giocare in Seconda divisione. Non tutti i mali – avranno pensato i tifosi dei Lupi – vengono per nuocere. (co. ch.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it