Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il numero due della LND al Cosenza: “Il problema sarebbe di ambito federale”

Il numero due della LND al Cosenza: “Il problema sarebbe di ambito federale”

Nino Cosentino, vice di Tavecchio, parlando dei Lupi in D spiega dove potrebbero sorgere degli ostacoli. “C’è ancora la consuetudine a basarsi sul Lodo Petrucci. Ma sono ottimista”.

cosentino_nino_LND

A sinistra il vicepresidente della LND Nino Cosentino

Nino Cosentino, calabrese doc e numero due della Lega Nazionale Dilettanti, ieri pomeriggio era presente a Roma al vertice che ha visto sedersi attorno ad un tavolo il sindaco Occhiuto, il consigliere d’amministrazione del Cosenza Quaglio e il presidente della LND Tavecchio. In serata è poi intervenuto in diretta telefonica nel corso della trasmissione Raplay in onda su Ten rassicurando gli ascoltatori e spiegando nel dettaglio come stanno le cose. “Partendo dal presupposto che io sono molto ottimista – ha esordito – il problema, se tale sarà, potrebbe nascere in ambito federale. E’ consuetudine, infatti, basarsi ancora sull’applicazione dei criteri stabiliti nel Lodo Petrucci nelle situazioni simili a quelle in cui si trova il Cosenza”. Secondo ciò i rossoblù potrebbero ritrovarsi in Eccellenza, ma Cosentino taglia subito la testa al toro. “Ad ogni modo il Lodo Petrucci non si applicava tra i dilettanti che sono un mondo a sè, ma era circoscritto ai professionisti. Poi c’è da considerare che le consuetudini non devono essere rispettate per forza”. La convinzione del vicepresidente deriva proprio dalla riunione di ieri. “La norma 52 delle Noif non cita l’Eccellenza e poi in tutta onestà il presidente Tavecchio ha già benedetto il Cosenza davanti al sindaco Occhiuto e al consigliere d’amministrazione Quaglio. Gli ha detto senza troppi giri di parole che è sua ferma intenzione accogliere i Lupi in D a braccia aperte e di completare il pagamento dei 350mila euro come stabilito. Mi sembra addirittura che questo passaggio si già avvenuto o avvenga lunedì mattina, pertanto tutto procede secondo prassi”. L’ammissione del Cosenza in serie D tuttavia sarà ratificata dal Consiglio Federale del prossimo 4 agosto. “Decideranno Abete e Tavecchio, ovvero i presidenti della Figc e della Lnd. I rossoblù un 50% lo hanno già incassato, appena Abete tornerà dal Brasile si vedrà. Se andasse male? Un ricorso immediato al Tnas darebbe senza dubbio i propri frutti, ma è un’ipotesi che da calabrese adesso non voglio prendere in considerazione”.  (co. ch.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it