Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, si decide per l’area tecnica

Cosenza, si decide per l’area tecnica

Affidarla a Stefano Fiore rilancerebbe immediatamente l’immagine di Cosenza sportiva a livello nazionale. Il sentimento popolare spinge per l’ultimo capitano dei rossoblù.
tifotribuna_b
Dalle 19.30 è in corso a Palazzo Salfi l’assemblea dei soci da cui dovrà scaturire il nome del responsabile dell’area tecnica. Sul tavolo ballano due gruppi, quello di Stefano Fiore e quello targato Marulla-Caligiuri. I secondi sono sponsorizzati dai soci Marchese e Caroselli, mentre il resto della dirigenza propende in maniera netta per il “capitano” dei Lupi. La discussione si annuncia abbastanza lunga. Il bomber di Stilo per tanto tempo è stato l’eroe della patria, colui il quale relegò la Salernitana in C e saltò più in alto di tutti a Padova. Una bandiera, insomma. Il numero dieci invece negli ultimi anni ha rappresentato la faccia pulita del Cosenza, tanto da diventare idolo indiscusso della piazza. Sorvolando sul perché di come non lo fosse già a prescindere (cosa quasi blasfema questa, ndr), ha dimostrato con i fatti di tenere alla casacca rossoblù molto più di quanto facessero i presidenti e i direttori che hanno avuto il piacere di lavorare con lui. Ovviamente affidargli la gestione dell’area tecnica ed incaricarlo di formare la squadra va fatto secondo una logica precisa (vale per chiunque riceverà il compito). Aver assemblato una compagine dirigenziale con nove validi imprenditori è stato un primo, importante passo; il secondo è stato l’ottenimento della serie D quando tutto lasciava credere il contrario; il terzo non può non essere rappresentato dal budget da mettere a disposizione. Sia chiaro che nessuno chiede la luna, ma semplicemente un progetto serio e consono alle aspettative della città e del blasone di Cosenza. Contrariamente, guai a puntare poi l’indice verso chi ha dovuto fare i conti con la ristrettezza e vivere alla giornata senza programmare nulla. Si parla tanto di settore giovanile, ma anche allestire le formazioni juniores, allievi, giovanissimi e mantenerle vive ha un costo che va messo in conto. Il club rossoblù ha però la fortuna di annoverare il patron del Real Cosenza Vincenzo Perri, che ha sposato il progetto perché negli ultimi tempi ha avuto modo di lavorare assieme all’entourage di Fiore e rendersi conto di persona della serietà di chi circonda l’ex azzurro. In virtù di ciò, non è un mistero che il settore giovanile verrebbe affrancato dalla prima squadra e camminerebbe autonomamente non gravando affatto sulle casse societarie. Stefano Fiore, infine, ma non per niente aspetto secondario, è la figura giusta per rilanciare l’immagine del Cosenza Calcio a livello nazionale a tutti i livelli. In mattinata i dirigenti dei Lupi renderanno pubblica la loro decisione.  (cosenzachannel.it)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it