Tutte 728×90
Tutte 728×90

Primo giorno di ritiro, Parisi ed Adriano Fiore pieni di motivazioni

Primo giorno di ritiro, Parisi ed Adriano Fiore pieni di motivazioni

I due veterani del Cosenza si sono calati nella parte prendendo per mano tutta la truppa. Doppia seduta con 27 uomini agli ordini del coach Patania. Ciano a bordo campo.

parisi-ramunn_sito

Parisi e Ramunno al primo giorno di ritiro con il Cosenza (foto mannarino)

A San Giovanni in Fiore si è tornato a parlare di calcio. E sembra un vero miracolo. Dopo un’estate infuocata che ha disintegrato il professionismo relegando i Lupi nuovamente in quarta serie, il Cosenza riparte dallo stadio “Mazzola” nella sua avventura in serie D. Il primo giorno di ritiro è stato caratterizzato dalla vivacità dei tanti giovani presenti in squadra e dalla voglia dei veterani del gruppo di vincere ancora con la maglia rossoblù. Due sedute molto intense per cominciare. Il professor Bruni, che torna ad occupare il ruolo di preparatore atletico, ha eseguito i primi test in mattinata assieme al preparatore della Juoniores Marcello Piro. A partire dalle 16,30, invece, lavoro con la palla e partitella ad alta intensità 11 contro 11. Patania ha disposizione 27 atleti, di cui 18 ufficialmente convocati. Gli elementi in prova (c’era anche Cotroneo che vuole tenersi in forma, ndr) sono apparsi concentrati ed intenzionati a convincere il tecnico a fare parte del gruppo fino alla fine del campionato. Individualità ce ne sono eccome. E’ il caso del centrocampista centrale Provenzano (siciliano, ma che ha fatto bene alla Sampdoria), del laterale Bruno e del difensore Scigliano. Patania ha schierato chi compare nell’elenco consegnato alla stampa con la casacca gialla, mentre gli altri sono ruotati tutti quanti. A bordo campo l’intero staff tecnico con Stefano Fiore, Pierpaolo Perri e Aristide Leonetti. Assieme a loro c’era anche il padre di Provenzano che gustava dal vivo le giocate del figlio sul rettangolo verde. Verso la fine dell’allenamento è arrivato a salutare il gruppo anche il socio Silletta, proprietario del Dino’s Hotel dove alloggia la squadra. Menzione particolare per Parisi e Adriano Fiore. I due sono sembrati galvanizzati dall’idea di dover prendere i compagni per mano e nel campo hanno mostrato una vivacità incredibile. Le loro motivazioni sono importantissime perché, oltre a fornire l’esperienza giusta che in un campionato di D è sempre fondamentale, hanno il compito di trainare chi si affaccia per la prima volta ad un’esperienza di un certo tipo. Da segnalare a bordo campo anche la presenza di un futuro calciatore dei Lupi: Ivano Ciano. Ma ve ne parleremo più dettagliatamente nel prossimo articolo. (cosenzachannel.it)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it