Tutte 728×90
Tutte 728×90

Ferraro: “Cosenza bravo a sfruttare la palla gol. Noi evanescenti”

Ferraro: “Cosenza bravo a sfruttare la palla gol. Noi evanescenti”

L’allenatore dell’Acri analizza il match di ieri sera ammettendo che qualche suo ragazzo ha sentito particolarmente l’emozione di giocare in uno stadio come il San Vito.

ferraro_mister_acri

Ferraro, tecnico dell’Acri, sulla panchina dello stadio San Vito (foto mannarino)

Francesco Ferraro ha schierato al San Vito una squadra attenta, ma dalla quale sarebbe stato lecito attendersi qualcosa in più. Se non altro perché l’Acri ha iniziato prima la preparazione. “Non c’entra niente – spiega – Vorrei smentire la solita storiella che si offre in questi casi. Non è vero che chi ha 20 giorni di lavoro avverte di più il carico e chi invece ha iniziato da poco può contare su poco fiato. Diamo alla partita la valenza giusta, cioè quella di un match di Coppa che serve a preparare in maniera più dettagliata il campionato”. I rossoneri sono apparsi più manovrieri rispetto al Cosenza e spesso hanno tenuto il pallino del gioco. “Nella prima parte il possesso credo si sai stato a nostro appannaggio, ma dovevamo sfruttare meglio le situazioni favorevoli che si venivano a creare. Nella ripresa invece, dopo un buon inizio, siamo diventati evanescenti e il Cosenza è stato bravo a sfruttare la palla-gol che ha avuto”. La rete di Adriano Fiore ha seguito di qualche minuto un cambio tattico. L’ingresso di Maio aveva l’intenzione di provare a dare più vivacità. “Vero, il gol è arrivato proprio quando stavamo cambiando l’atteggiamento. Volevamo variare qualcosa a centrocampo per provare a vincere e passare il turno, ma siamo andati sotto. Il calcio è così”. Ferraro ammette che qualcuno dei suoi ha avvertito un’emozione particolare. “Sì, ho notato che ad alcuni ragazzi il San Vito ha giocato un brutto scherzo, ma ci sarà tempo per limare anche questo particolare”. Battuta finale sulla serie D. “Il campionato? Ci sono piazze dove si è scelto di puntare su progetti seri. Cosenza ed Acri sono due esempi lampanti”.  (cosenzachannel.it)

Related posts