Tutte 728×90
Tutte 728×90

Juniores: Cosenza bello ma spuntato. Vince il Nardò (0-1)

Juniores: Cosenza bello ma spuntato. Vince il Nardò (0-1)

Una rete di Longo condanna l’undici rossoblù all’esordio. Tante le occasioni gettate al vento dai ragazzi di Altomare che hanno però messo in mostra delle buone individualità.

juniores_esordio

Perri, Franzese e gli altri ragazzi della Juniores di Luca Altomare (foto rosito)

“Pompeyo Macrì” addobbato con i palloncini rossoblù per l’esordio della Juniores di Luca Altomare, seguita sugli spalti da un gran pubblico. Fra i presenti, ad assistere alla prima dei lupacchiotti, oltre ai massimi vertici societari e al duo di mercato Fiore-Leonetti, c’era anche tutta la prima squadra del Cosenza che ha incitato la compagine di casa. Altomare manda in campo un 4-4-2 roccioso a centrocampo e rapido in attacco che già nei primi minuti sfiora subito il vantaggio. Al 1′ infatti Barone riceve un lancio da 40 metri, addomestica la sfera e calcia di poco fuori. Sempre Barone al 10′. L’attaccante riceve palla da Le Piane, ma solo davanti al portiere cicca clamorosamente il pallone che termina a lato. E’ un avvio scoppiettante quello dei rossoblù che al 12′ vanno nuovamente ad un passo dal gol del vantaggio. Perri con un lungo rilancio dalla porta pesca Franzese che fa valere il fisico, difende la sfera, entra in area e dalla sinistra calcia a giro sfiorando l’incrocio. Alla prima azione pericolosa però gli ospiti passano. E’ il minuto 14 e sugli sviluppi di una punizione la palla termina fra i piedi di Della Tommasa. Il suo tiro da posizione centrale è debole ma pesca Longo che in sospetta posizione di fuorigioco ha tutto il tempo per stoppare e far centro. Il Cosenza non ci sta e si getta in avanti. Al 18′ Le Piane ci prova con un tiro dai venti metri e fa la barba al palo. Dieci minuti dopo è ancora l’attaccante, imprendibile sulla destra a pescare Franzese che in scivolata anticipa Nocco ma vede il pallone terminare fuori di poco. Gli ospiti rispondono al 34′ ma Perri è strepitoso nell’opporsi con una parata plastica alla conclusione velenosa di Scrinieri. L’azione più pericolosa però arriva al 40′ per il Cosenza. Salvino, vero e proprio metronomo della mediana rossoblù, prende palla a centrocampo, salta due avversari si defila sulla destra e calcia centrando l’incrocio dei pali. Nella ripresa inizia la girandola dei cambi e il Cosenza si affida alle incursioni di Franzese e Magarò. L’attaccante esterno confeziona diversi assist per Barone, apparso poco lucido. Tutto inutile però perché la partita, giocata prevalentemente a centrocampo, si incattivisce e le squadre stanche non riescono a creare occasioni nitide. Al 69′ è ancora Scrinieri a rendersi pericoloso con un tiro violentissimo che sfiora l’incrocio della porta difesa da Perri. Nei minuti finali il Cosenza prova un forcing sterile che non si traduce nella rete del pari. C’è delusione al 90′ fra gli uomini di Altomare che avrà tanto da lavorare, ma ha l’attenuante di essere partita in ritardo così come la prima squadra. Il Cosenza dovrà migliorare sul profilo del gioco sebbene abbia messo in mostra ottime individualità in un match perso forse immeritatamente. (Francesco Palermo)

COSENZA (4-4-2): Perri, Muraca (dal 36′ Bosco), Pellegrino (dal 71′ Chiodo), Salvino, Stamato, Buffon, Le Piane (dal 74′ Scarcello), Volpe, Franzese, Magarò, Barone. A disp: Grosso, Rocca, De Rose, Scanni. All: Altomare
NARDO’ (4-3-3): Bove, Potenza, Mastria, Nico, Nocco, Margagliotti, Longo, Alfarano, Scrinieri (dal 90′ Calcagnile), Della Tommasa, Simone (dal 63′ Vigliotti). A disp: Renna, Aprile, Sacco, Iaconisi, Tufano. All: Mirarco.
ARBITRO: Longo di Paola.
MARCATORI: 14′ Longo
NOTE: Circa trecento spettatori sugli spalti. Espulso Matria (N). Ammoniti: Salvino, Stamato, Le Piane (C), Nico, Nocco, Vigliotti (N). Angoli: 5-3 per il Cosenza. Recupero: 1′ pt – 5′ st.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it