Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mosciaro: “Tifosi dateci fiducia”

Mosciaro: “Tifosi dateci fiducia”

L’attaccante, autore di una doppietta contro il Noto, manda un messaggio alla tifoseria: “Fallire in sei anni due volte non è sicuramente bello. Però vorrei che quest’anno le cose fossero diverse”. E sul primo gol messo a segno ammette: “Di altra categoria”.

pareggio_di_mosciaro_col_noto

La palla s’insacca in rete. Mosciaro ha appena segnato la rete del 2-1 (foto mannarino)

L’attaccante di cui aveva bisogno il Cosenza. Un opportunista, un calciatore tecnico e che avesse dimestichezza con la rete. Manolo Mosciaro è il volto del Cosenza che rinasce. Due reti ed il sorriso stampato sul volto. La vittoria porta anche la sua firma. E lui, da cosentino doc, ne è orgoglioso. Il suo primo pensiero è indirizzato proprio ai tifosi. “Li capisco. Fallire in sei anni due volte non è sicuramente bello. Però vorrei che quest’anno le cose fossero diverse perché chi ha ricostruito il Cosenza sono persie serie e che hanno intenzione di costruire qualcosa di importante. Sia noi giocatori che la società, formata da gente competente, meritiamo un riavvicinamento del pubblico. Certo, spetterà poi a noi con i risultati fare in modo che ci sia sempre più gente e che l’interesse cresca intorno a noi”. Spazio poi al match odierno. “Bisogna migliorare il possesso palla. Ci facciamo prendere troppo dalla foga di non vincere. Invece dobbiamo stare tranquilli e fare la nostra gara. Siamo partiti male anche se poi siamo stati bravi a ribaltare il risultato. Sono sicuro che nelle prossime settimane miglioreremo e cresceremo sia sotto il profilo atletico che su quello tattico e di approccio alla gara”. A chi chiede un commento sul primo dei due gol messi a segno, Mosciaro risponde. “Il primo gol è stato un grande gol. In questa categoria se ne vedono pochi. Abbiamo chiuso un triangolo nella stretto con Tedesco riuscendo a chiudere un’azione da altra categoria. Questo Cosenza di sicuro ha una buona rosa. Bisogna lavorare e crescere di giorno in giorno”. Chiusura dedicata al derby di Acri. “Andiamo con i piedi bel saldi a terra. E’ un campionato strano dove l’Acri batte il Messina in casa e poi ne prende cinque oggi. Bisogna avere rispetto ma andremo per vincere perché siamo il Cosenza”. (Gianpaolo D’Elia)

Related posts