Tutte 728×90
Tutte 728×90

Ferraro: “E’ un grande giorno per Acri”

Ferraro: “E’ un grande giorno per Acri”

L’allenatore fa i complimenti ai suoi ragazzi: “Hanno mostrato un grande carattere. Vincere contro il Cosenza ci riempie d’orgoglio e dimostra che siamo una squadra che gioca a viso aperto contro chiunque”.

ferraro_acri-cosenza

Il tecnico dell’Acri Francesco Ferraro nel derby col Cosenza (foto mannarino)

E’ festa in casa rossonera. Un’altra grande cade al “P. Castrovillari”. Dopo il Messina tocca al Cosenza di Patania. Segno che la squadra di Ferraro, tra le mura amiche, riesce a trovare la forza per sopperire al gup tecnico con squadre più quotate. La vittoria odierna ha un sapore ancora più dolce se si pensa che i rossoneri, seppur in inferiorità numerica per poco più di un tempo, sono riusciti a portare a casa una vittoria che consente a Galantucci e compagni di inserirsi in sesta posizione insieme ad altre sei squadre, tra cui proprio il Cosenza. Il tecnico Francesco Ferraro, a fine gara, non sta nella pelle. “Devo fare i complimenti ai ragazzi perché hanno portato a casa una vittoria importante. La nostra squadra per quello che può gioca a viso aperto e credo che lo abbiamo dimostrato domenica scorsa a Licata. Oggi abbiamo dimostrato, però, che sappiamo anche soffrire. Del resto, in inferiorità numerica, non potevamo che cercare di chiudere gli spazi e cercare di ripartire. Paradossalmente il Cosenza è stato più pericoloso quando eravamo in undici che non con la superiorità numerica”. Il tecnico rossonero poi precisa. “In settimana abbiamo provato una linea difensiva inedita. Dobbiamo cercare di essere camaleontici e sopperire ad eventuali mancanze che durante un campionato possono esserci. So di poter contare su giocatori che, da grandi professionisti, riescono anche a sacrificarsi nel momento del bisogno”. Chiusura dedicata alle due outsider Messina e Cosenza che Ferraro, in questo inizio di stagione, ha affrontato e battuto. “Se devo scegliere dico…Licata che sul piano del gioco mi ha impressionato”.
Antonello Greco

Related posts