Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il derby del rispetto

Il derby del rispetto

l’editoriale di Piero Bria
Ad Acri per vivere una festa ed iniziare a riconquistare la provincia. Nel guardarci negli occhi ricordiamoci di essere figli della stessa terra.
applauso_tribuna
Il rispetto è “il sentimento e comportamento informati alla consapevolezza dei diritti e dei meriti altrui, dell’importanza e del valore morale e culturale”. Quel rispetto che ad Acri dovrà esserci da parte di tutti. Siamo tutti figli della stessa terra e, ad un tiro di schioppo gli uni dagli altri, sarebbe incomprensibile creare attriti o chissà cosa. Andare ad Acri per assistere ad una festa è un conto, farlo con l’arroganza di chi ha una storia alle spalle centenaria e fatta di tanti campionati di serie B sarebbe un errore madornale. Cosenza deve riconquistare la provincia che, per anni, ha rappresentato una grande forza per il nostro calcio. Riconquistarla non solo a livello di tifosi ma anche come opportunità per tanti giovani che devono vedere nel Cosenza un punto di arrivo e non, come purtroppo è successo, una tappa intermedia. E’ anche da questo che si misura una crescita che, vuoi o non vuoi, diventa fondamentale per garantirsi un futuro. Ci sono dei passaggi obbligati che permettono di costruire delle fondamenta solide. Il Cosenza, rinato da poco, deve con la provincia (che è una delle più grandi d’Italia) trovare quella spinta per costruire qualcosa di importante. Ad Acri facciamo festa, qualunque sia il risultato, e nel guardarci negli occhi ricordiamoci di essere… figli della stessa terra!

Related posts