Tutte 728×90
Tutte 728×90

Galantucci stende il Cosenza. Il derby va all’Acri (1-0)

Galantucci stende il Cosenza. Il derby va all’Acri (1-0)

Una rete dell’ex attaccante del Cosenza permette ai rossoneri di aggiudicarsi i tre punti nonostante l’inferiorità numerica. Dopo due vittorie la corsa degli uomini di Patania si ferma al “Castrovillari”.

rigore_gol_acri

La palla entra in rete. Galantucci non perdona Franza (foto mannarino)

E’ servita a poco la spinta dei circa 700 sostenitori rossoblù giunti ad Acri per assistere al derby. I tre punti alla fine di una gara nervosa vanno alla compagine di Ferraro. La rete dell’ex Galantucci ha permesso ai padroni di casa di aggiudicarsi una gara che nel primo tempo il Cosenza ha interpretato bene. Dopo il vantaggio dell’Acri i rossoblù hanno attaccato trovando u grande Di Iuri a sbarrargli la strada e neanche la superiorità numerica è servita perchè gli uomini di Patania, con brillantissimi, non sono riusciti a trovare il pareggio. Cosenza da rivedere. La cronaca: Calcio d’inizio affidato ai padroni di casa. Cosenza subito in avanti alla ricerca del varco giusto ma l’Acri in queste prime battute si difende con ordine. Partita molto sentita dai rossoneri, oggi in maglia bianca che in questi primi minuti hanno già commesso diversi falli. Da uno di questi al 5′ nasce la punizione dalla sinistra di Mosciaro che impegna severamente Di Iuri, prodotto del vivaio rossoblù, bravissimo nella deviazione in corner. L’Acri risponde al 10′. Fallo di Rapisarda e punizione per i padroni di casa con cartellino giallo per l’esterno rossoblù. Calcia Visciglia da posizione centrale ma un difensore del Cosenza respinge. Sul contropiede occasione per Tedesco che calcia però debolmente fra le braccia di Di Iuri. Il rossoblù spingono sull’acceleratore. Al 13′ scambio in velocità fra provenzano e Tedesco ma il centrocampista silano viene atterrato prima dell’ingresso in area. Giallo per Bilotta e punizione dal limite calciata da Romano sulla barriera. E’ un bel match. Al 21′ padroni di casa vicinissimi al gol. Berlingieri prende palla sulla destra, si accentra e da trenta metri lascia partire un bolide che fa la barba al palo della porta difesa da Franza. Due minuti dopo ancora avanti l’Acri, Ciano commette fallo e Galantucci si presenta sul punto della battuta. La punizione da posizione centrale termina alta sulla traversa. Al 26′ i padroni di casa passano in vantaggio. Azione confusa dell’Acri con Perrelli che indovina un passaggio filtrante delizioso per Deffo. Scigliano nel tentativo di chiudere lo spazio colpisce l’esterno e l’arbitro decreta il penalty. Dal dischetto Galantucci è freddo e realizza con una conclusione centrale. La reazione del Cosenza non arriva. E’ l’Acri, sulle ali dell’entusiasmo a cercare la rete del raddoppio. I padroni di casa spingono sulle corsie laterali dove Rapisarda e Scigliano sono in grossa difficoltà e provano con i calci piazzati ad impensierire Franza. Al 36′ però i rossoblù sfiorano il pari. Punizione di Romano tesa e palla ribattuta che tarmina sui piedi di Provenzano. Il centrocampista appena fuori dall’area piccola calcia a botta sicura ma Di Iuri compie un autentico miracolo salvando il risultato. Grande prestazione del portiere ex rossoblù. Chiude in avanti il Cosenza che spinge guidato da Mosciaro e colleziona una serie di 3 corner consecutivi senza però trovare il gol. Nel recuperò però l’Acri resta in dieci. Bilotta già ammonito commette un brutto fallo su Adriano Fiore e l’arbitro estrae il secondo giallo. Dopo tre minuti di recupero, il signor Lacagnina manda tutti negli spogliatoi. Partita appena ripresa al Castrovillari. Squadre invariate e padroni di casa in vantaggio ma con un uomo in meno. Prima occasione nella ripresa per il Cosenza con Mosciaro che calcia una punizione potente dai trenta metri ma trova un bell’intervento di Di Iuri che blocca e sventa la minaccia. Sale la pressione del Cosenza. Al 52′ Mosciaro prende palal a centrocampo e calcia in porta, Di Iuri non trattiene e Adriano Fiore ribadisce in gol. L’arbitro però annulla per fuorigioco. Cosenza ancora pericoloso al 57′. Romano dalla sinistra calcia una punizione tesa in area per Parisi. Il capitano ha tutto il tempo per la battuta di testa ma da buona posizione indirizza la palla fuori. Al 60′ l’arbitro ci mette del suo. Mosciaro prende palla entre in area e viene sgambettato. Il signor Lacagnina però ammonisce l’attaccante rossoblù per simulazione. Primo cambio per Patania un minuto dopo. Fuori Scigliano, non una bella prova per lui e dentro Douglas. All’86’incredibile occasione fallita dal Cosenza. Douglas scatta sull’out sinustro e mette in mezzo per Romano che a due passi dalla porta calcia alto. E all’88’ ancora Cosenza. Mosciaro prende palla e viene atterrato poco prima dell’ingresso in area. L’arbitro non estrae alcun cartellino e l’attaccante rossoblù si presenta al punto della battuta. La sua conclusione però è alta. Inutili i sei minuti di recupero concessi dall’arbitro. Il Cosenza non trova la via del gol e il derby se lo aggiudica l’Acri.

Il tabellino:
ACRI (4-3-3): Di Iuri; Martucci, Bilotta, Deffo, Filidoro; Cavatorti, Perrelli, Domanico; Galantucci, Visciglia (89′ Foderaro), Berlingieri A disp.: Mauro, Bonomo, Leta, De Rose, Foderaro, Perri, Zicarelli. Allenatore: Ferraro
COSENZA (4-3-1-2): Franza; Scigliano (60′ Douglas), Ciano, Parisi, Rapisarda; Fiore, Caputo G. (73′ Caputo A., Provenzano; Romano; Mosciaro, Tedesco. A disp.: Ramunno, Bruno, Varriale, Douglas, Naccarato, A.Caputo, Franzese. Allenatore: Patania
ARBITRO: Lacagnina di Caltanissetta
MARCATORI: 26′ Galantucci
NOTE: Spettatori circa 2500 con almeno 700 sostenitori di fede rossoblù dislocati nei vari settori dello stadio. Osservato un minuto di raccoglimento in ricordo dei militari caduti in Afghanistan. Espulsi: – Ammoniti: Rapisarda, Bilotta, Galantucci, Scigliano, Fiore. Espulso: Bilotta.Corner: 5-5 Recupero: 3′ pt, 5’st.

Related posts