Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza-Gelbison: le pagelle

Cosenza-Gelbison: le pagelle

Voti positivi per tutti quanti, ma specialmente per Romano che ha regalato giocate di categoria superiore. Interessante la prova di Castellano, mentre Tedesco si è battuto come un leone.

tedescovelogelbison

Il velo di Tedesco per l’accorrente Romano. E’ l’azione del 2-0 (foto mannarino)

Il Cosenza vola in classifica a -2 dalla vetta. Il campionato dei rossoblù inizia a prendere una forma ben precisa in attesa che si trovi la giusta continuità che si richiede alle formazioni ambiziose. Contro la Gelbison l’undici di Patania non ha corso alcun rischio, azzannando al collo la preda nel momento decisivo della partita. Bene il centrocampo dove la classe di Romano ha fatto la differenza, ma nessuno dei calciatori schierati ha meritato un’insufficienza. Voto positivo anche per il portiere Franza che match dopo match sembra non risentire di giocare titolare a Cosenza.
FRANZA: VOTO 6,5 Sicuro sulle palle alte e nelle uscite basse. Per il resto non viene impegnato quasi mai, ma dà l’impressione di poter reggere con naturalezza un campionato da titolare a Cosenza.
RAPISARDA: VOTO 6 Riportato nel suo ruolo naturale di terzino destro va molto meglio che a sinistra. Bene in fase difensiva quando toglie fuori i denti, meno quando deve proporsi dettando il passaggio ai compagni.
CIANO: VOTO 6 Dinamico sui suoi avversari. Soffre se lo pressano al limite dell’area di rigore perché non può impostare l’azione.
PARISI: VOTO 6 Stesso discorso del compagno di reparto per quanto concerne il pressing alto della Gelbison. Ringhia come ai bei tempi, ma qualche volta corre dei rischi eccessivi.
VARRIALE: VOTO 6 Svolge il suo compitino sbagliando qualche appoggio più del dovuto. L’assist basso per Romano gli consente di arrivare alla sufficienza e da lì cresce nell’apporto alla squadra. Di certo è un elemento che tornerà utile a Patania.
ROMANO: VOTO 7 Lascia la trequarti per arretrare a fare la mezzala destra. Qualità e quantità al servizio del gruppo. Le azioni migliori passano tutte dal suo piede. Il gol è il giusto premio ad una prestazione maiuscola.
CASTELLANO: VOTO 6,5 Preferisce abbattere gli avanti della Gelbison piuttosto che lasciarli passare. Il tackle è la specialità della casa, mentre dovrebbe migliorare nella corsa dove appare un po’ farraginoso.
PROVENZANO: VOTO 6 Tocca la palla come nessun altro sul rettangolo verde, ma si perde nello sprint quando deve andare nello spazio. Non è un incursore e si vede.
FIORE: VOTO 6 Adriano è l’elemento di raccordo che trasforma il 4-3-3 nel 4-4-2 quando c’è da difendere. Becca un altro giallo: è il terzo in tre gare. Più calma, please.
TEDESCO: VOTO 6,5 Si batte come un leone facendo un grande movimento su tutto il fronte d’attacco. Splendida la sponda per Mosciaro. Gli manca solo il gol, ma con queste prestazioni è solo un dettaglio.
MOSCIARO: VOTO 6,5 Nella prima frazione di gioco è quasi indisponente nel cercare per forza la battuta a rete mentre ha sempre lo scarico giusto. Nella ripresa cambia registro ed arriva il terzo gol stagionale. Avanti così.

subentrati:
G. CAPUTO SV
VERONESE SV
A. CAPUTO SV

PATANIA: VOTO 6,5 Riesce a dare alla squadra la tranquillità mentale che occorreva dopo il ko di Acri. Il ritorno al 4-3-3 è stato positivo, nonostante qualche meccanismo vada ancora oliato. Ma i passaggi sbagliati non sono certo colpa sua.

Related posts