Tutte 728×90
Tutte 728×90

Sondaggio: Patania, strigliata doverosa!

Sondaggio: Patania, strigliata doverosa!

Il tecnico, secondo la maggior parte dei votanti, ha fatto bene a chiedere una squadra più combattiva. Nel nuovo sondaggio vi chiediamo se è il caso di abbandonare momentaneamente il San Vito per giocare al Marco Lorenzon.

acri-cosenza3

Una fase di gioco del derby tutto silano perso dal Cosenza ad Acri (foto mannarino)

Mister Patania ha fatto bene a strigliare la squadra e chiedere maggiore “cattiveria agonistica”. E’ questo il responso del nuovo sondaggio lanciato da cosenzachannel.it in questa settimana. Per l’86,2% dei votanti è stata doverosa la strigliata lanciata dal tecnico silano a seguito della sconfitta nel derby di Acri. In una categoria come la serie D, al di là delle doti tecniche e del curriculum, serve una determinazione necessaria a contrastare quell’ardore agonistico che diventa la caratteristica principale delle squadre che affrontano il Cosenza. Parisi e compagni dovranno calarsi maggiormente nella mentalità della categoria per cercare di contrastare formazioni che, sulla carta, partono con un handicap non indifferente. Per il 13,8%, invece, è ancora presto per cercare di dare un giudizio sulla squadra rossoblù. Bacchettarla ora, forse, non era il caso visto che il Cosenza, a differenza di altre compagini, ha iniziato in ritardo la preparazione. E proprio la condizione fisica, per il 13,8%, è il reale problema dei rossoblù che, si spera, riescano a ritrovare forma e ritmo ad iniziare proprio dalla sfida di questa sera al San Vito.
Nel prossimo sondaggio vi chiediamo se, visto il poco pubblico presente sugli spalti e l’immensità dell’impianto, non sia il caso almeno per la serie D di traslocare al Lorenzon di Rende. Sembrerà una sciocchezza ma, guardando la gara di serie A tra Juventus e Milan nel nuovo impianto bianconero, si è avuta la consapevolezza di quanto il pubblico possa incidere sulle motivazioni dei giocatori. Buffon e compagni sembravano “invasati” a dispetto di un Milan sulla gambe. Ma l’impressione che si è avuta è che i tifosi realmente siano stati la miccia che ha consentito ai bianconeri di dare quel 100% che tutti gli allenatori chiedono ai propri giocatori. Nel caso del Cosenza potrebbe realmente essere un’arma da sfruttare. Al San Vito la pista d’atletica e l’impianto stesso danno un senso di vuoto disarmante. Giocare al Lorenzon, campanilismo a parte, consentirebbe ai tifosi di incidere (positivamente) sulle motivazioni dei calciatori. Dite la vostra…

Antonello Greco

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it