Tutte 728×90
Tutte 728×90

Erra: “Con il Cosenza gara particolare, ma il Sambiase è tranquillo”

Erra: “Con il Cosenza gara particolare, ma il Sambiase è tranquillo”

Il tecnico dei giallorossi conosce molte cose dei rossoblù: è stato allievo di Patania nel Martina dei miracoli e compagno di squadra di Varriale e Parisi. Col capiano andò in B col Crotone.

erra_sambiase_a_messina

L’allenatore della formazione giallorossa Alessandro Erra (foto sambiasecalcio.com)

Alessandro Erra ha già affrontato il Cosenza. Correva la stagione 2007-2008 e con la sua Nocerina sbancò il San Vito 4-2. Quell’anno i rossoneri sotto la sua guida (subentrò nella seconda parte di stagione) infilarono 19 risultati utili consecutivi. Dopo di che l’esperienza ad Angri e poi la sinergia col Sambiase. E’ al terzo torneo sulla panchina dei giallorossi che ha portato l’anno scorso ad un passo dalla promozione. “Era un altro campionato – spiega ai microfoni di cosenzachannel.it – Adesso sarà dura ripeterci. Abbiamo contezza delle nostre forze e delle nostre potenzialità, ma l’obiettivo è la salvezza”. L’ex difensore di Ascoli e Foggia sta preparando molto bene il match. “Ci aspettiamo una gara difficile, il Cosenza ha over che non c’entrano niente con la serie D e giovani che si stanno esprimendo su buoni livelli. Da parte nostra vogliamo continuare a misurarci con avversari blasonati per fare sempre meglio”. Il Sambiase è partito con il piede sbagliato, due ko contro Hinterreggio e Palazzolo, poi il blitz di Messina e la conferma col Marsala in casa. Domenica scorsa un buon punto a Licata. Decisivo l’ingaggio del difensore Porpora che ha sostituito negli schemi il partente Itri. “Ci ha conferito esperienza e qualità, sicuramente è stato un colpo importante. Domani sera per noi cambierà poco, ma sarà diverso il contesto. E’ un derby inedito e per di più si disputerà in notturna, cosa molto rara tra i dilettanti. In campo però si gioca sempre 11 contro 11 e sarà ancora una volta il rettangolo verde ad esprime giudizi. Abbiamo in mente di dare un ritmo alto alla contesa per mettere in difficoltà i Lupi. Defezioni? Sì, due: mancheranno Andriani e De Pantis”. Il tecnico conosce molto bene i componenti dello spogliatoio di Viale Magna Grecia. “Patania è stato il mio allenatore quando giocavo a Martina Franca (2002-2003). Quell’anno fu indimenticabile: sfiorammo la serie B e se non fosse stato per il Pescara saremmo andati noi tra i cadetti. E’ un coach molto concreto e di poche parole: punta tutto su un gran lavoro. In quella formazione figurava pure Pietro Varriale, altro elemento da categoria superiore. Come non menzionare, poi, Nello Parisi? Giocavamo fianco a fianco nel Crotone che agguantò la serie B nel 1999-2000”. Anche nello spogliatoio del D’Ippolito ci sono diversi elementi transitati in maglia rossoblù quali capitan Morelli, Lio e Curcio. “Per loro sarà una serata emozionante, ma nel corso della settimana li ho visti tranquilli come il resto della squadra. Dove arriveremo? Beh, il Sambiase spero alla salvezza il prima possibile, mentre sul Cosenza non ho dubbi che lotterà per la prima piazza fino alla fine”.  (Gian Paolo D’Elia)

Related posts