Tutte 728×90
Tutte 728×90

La Boxe Popolare entra nelle scuole

Si è concluso positivamente il primo progetto educativo “lo sport contro il bullismo” svolto nella scuola media “L.G. Coppa” di Luzzi.
boxpopolare_a_scuola
Nelle giornate del 20 e 29 ottobre a Luzzi si è svolto il primo progetto educativo “lo sport contro il bullismo”, frutto della collaborazione tra l’associazione sportiva Boxe Popolare di Cosenza ed il locale istituto secondario “L.G. Coppa”. La scuola, diretta dal professore Vincenzo Garofalo, che ha condiviso la valenza educativa e metodologica del piano di lavoro proposto dallo staff tecnico della boxe popolare, dando così via libera al progetto, coordinato dal professore Roberto Costabile, docente di educazione fisica dell’istituto scolastico. Al progetto hanno partecipato oltre un centinaio di studenti, i quali guidaTI dei tecnici Tallarico, De Pezii e Rizzuti hanno potuto approfondire la conoscenza con la “noble art”, di cui avevano sentito solo vagamente parlare e che nella due giorni ha per loro rappresentato un’attività non solo ginnica e divertente ma soprattutto formativa, proprio per la sua capacità di indirizzare e trasformare energie, comprese quelle cosiddette negative. Il tecnico Tallarico nel suo discorso introduttivo al progetto ha ricordato ai docenti presenti la valenza della boxe quale strumento utile per arginare anche nella scuola fenomeni negativi come: il disagio giovanile, il bullismo, la dispersione, la violenza e l’uso di sostanze stupefacenti. Il pugilato, infatti, essendo uno sport individuale e di combattimento mette i giovani sin da subito a confronto con i propri limiti. Subito dopo si è passati all’attività vera e propria con i giovani alunni del “L.G. Coppa” che si sono cimentati per alcune ore in un percorso ginnico, fatto di riscaldamento propedeutico alla boxe e di tanta attività finalizzata all’apprendimento degli schemi motori della disciplina come il salto con la corda ed il gioco di gambe con la pallina. Poi si è proceduto con gli esercizi più attesi dai ragazzi, che dopo aver indossato i guantoni da boxe hanno portato colpi, effettuato schivate, orientamento spaziale e coordinazione contro un avversario “immaginario” e senza alcun contatto fisico. Tra i ragazzi ed il pugilato si è subito creato il giusto feeling ed in molti sono rimasti particolarmente affascinati dalla prospettiva di poter continuare questa esperienza presso la palestra di boxe dell’associazione sportiva. “E’ andato tutto nel migliore dei modi – ha evidenziato il tecnico Tallarico – è stato un piacere ed un ulteriore arricchimento professionale collaborare per la realizzazione di questo progetto con l’Istituto scolastico “L.G. Coppa” di Luzzi”. Un’esperienza sicuramente nuova per tutti, ma soprattutto per i ragazzi, per i quali tale progetto di pugilato educativo potrebbe essere un’esperienza tutt’altro che conclusa: “L’associazione sportiva – prosegue Tallarico – vista la partecipazione e l’entusiasmo si è detta disponibile per far praticare gratuitamente questa disciplina ai ragazzi che fossero interessati presso la nostra palestra”.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it