Tutte 728×90
Tutte 728×90

Brutium, lo spettacolo è sugli spalti

Brutium, lo spettacolo è sugli spalti

I rossoblù non vanno oltre lo 0-0 contro il Tillesium in una partita combattuta e spigolosa, ma l’esordio casalingo della squadra della Curva Nord richiama 350 persone in tribuna.

BRUTIUM-TILLESIUM

Una fase di gioco dove Ruga sta per colpire di testa. Di spalle Crescibene

Potrà sembrare un numero esagerato o indicato in maniera strumentale, ma le 350 persone che sabato hanno visto dal vivo l’esordio casalingo del Brutium Cosenza c’erano tutte. La tribunetta del Marchesino era piena per tre quarti e sulla collinetta che dà sulla strada c’era appollaiata un altro bel po’ di gente. Sostenitori del progetto e semplici cuorisi non sono voluti mancare al primo storico match nel cuore dell’area urbana del sodalizio fondato dai ragazzi della Curva Nord che, per l’occasione, hanno realizzato anche dei nuovi stendardi. Rigorosamente tutti con la classica impronta british. Ingresso gratuito, solo un’offerta libera per chi volesse acquistare la fanzine del gruppo. Il resto puro divertimento come “ai tempi belli” sussurra qualcuno. In campo c’è da confermarsi dopo il blitz di Paterno, ma il Tillesium è un osso duro. Si chiude a riccio e riparte veloce sulle fasce. Il Brutium invece tiene alto il baricentro e il pallino del gioco ce l’ha sempre in mano la formazione di Scarnato. Nel primo tempo le occasioni non mancano, come la traversa colpita da Spadafora con un lob. La punta rossoblù, poi, sarà portata in ospedale dopo aver ricevuto un colpo proibito al volto con conseguente frattura del setto nasale. I padroni di casa si dispongono secondo un 4-3-1-2 dove Fuoco, l’elemento di maggior talento, agisce sulla trequarti cercando di inventare soluzioni per gli attaccanti. Nella ripresa gli animi si surriscaldano e quando il Tillesium resta in dieci, l’idea più diffusa è che il gol dei Lupi stia per maturare. Invece la retroguardia biancazzurra regge fino alla fine e per poco su azione di contropiede non ci scappa il colpaccio se non fosse stato per Scarnato, abile a distendersi alla sua destra e a deviare in corner. Domenica per il Brutium trasferta contro lo Sporting Luzzi-Rose, la squadra più temibile del girone che sabato era presente a bordo campo per osservare dal vivo i loro prossimi avversari. Per gli uomini di Scarnato è già un big-match da vincere.

Il tabellino:
BRUTIUM COSENZA (4-3-1-2): Scarnato; Vommaro, Ponzio, Bonofiglio, Ruga; Di Maria (54′ Catanzariti), Crescibene, D’Elia (46′ Occhiuto); Fuoco; Spadafora (73′ Santiago), Martire. A disp: Gaudio, Perfetti, Formica, Ripoli. All: Scarnato.
TILLESIUM (4-4-2): Porcu, Iannu F. (46′ Chiarello), Bossio Al., Muti, Sarnà, Ianni L., Innocenti, Rossi, Amendola (66′ Manno), Cuglietta, Guercio. A disp: Sicoli, Bossio An., Bernardo, Bossio M., Stella. All: Amendola.
ARBITRO: Mascali di Paola
NOTE: Spettatori 350. Espulso al 66′ Innocenti per comportamento non regolare nei confronti di un avversario. Ammoniti: Crescibene (B), Scaranto (B), Bossio Al. (T), Chiarello (T). Corner: 3-3. Recuper: 1′ pt -5′ st

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it