Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Cosenza non è una Ferrari

Il Cosenza non è una Ferrari

l’editoriale di Piero Bria
On line la nuova puntata di Tackle. Fiore ha allestito una squadra rispettando il budget fissato dalla società ed ha preso ugualmente giovani di prospettiva. Col tempo i Lupi potranno togliersi diversi soddisfazioni.

cosenza_fine_partita

I rossoblù ringraziano la Curva Sud per il sostegno durante il match (foto mannarino)

Premessa doverosa: nella vita non è importante avere una Ferrari per sorpassare tutti, ma piuttosto avere una Cinquecento e riuscire a sorpassare quelli con la Ferrari. Se qualcuno paragona il Cosenza attuale a quello che vinse la serie D con Toscano in panchina commette un errore senza precedenti. Questa squadra, costruita da Fiore in corsa, è composta da tanti baldi giovani e da qualche elemento di categoria superiore come Mosciaro, Parisi e qualche altro. A differenza di quella costruita da Mirabelli quattro anni fa non si tratta proprio di un bolide in corsa. Del resto Fiore non ha avuto la possibilità di avere un budget adeguato da una società che, seppur composta da nove soci, non sembra ancora aver definito le linee guida tracciate dal vice-campione d’Europa. Si è fatto di necessità virtù andando a prendere quello che il mercato consentiva. Anzi, se vogliano, e non è un azzardo, il Cosenza è riuscito ad assicurarsi giovani di prospettiva, i migliori under della categoria come li ha definiti qualcuno. C’è un dato che deve far riflettere. Domenica, contro il Palazzolo il Cosenza dopo aver perso Romano, Mosciaro e Tedesco si è ritrovato con sette under in campo su dieci giocatori disponibili. Di contro, gli ospiti avevano sette over su undici. Fosse stata un’altra squadra, probabilmente il risultato sarebbe stato diverso. Invece i ragazzotti di Patania hanno mostrato carattere e personalità rischiando, proprio sul finale, di portare a casa tre punti. E’ un aspetto, questo, che non va sottovalutato e che di sicuro rappresenta una base importante per costruire un futuro diverso rispetto a quello che è stato il passato. Non sarà una Ferrari questo Cosenza, ma di certo, limati alcuni aspetti nei mesi che verranno, potrà quantomeno diventare un’utilitaria di lusso ed entusiasmare ancor di più delle auto extra-lusso.
GUARDA IN HOME PAGE LA NUOVA PUNTATA DI TACKLE

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it