Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza ingenuo. Il Marsala ringrazia (2-0)

Cosenza ingenuo. Il Marsala ringrazia (2-0)

I rossoblù riescono a perdere una gara dominata fino al 71′. Poi un errore di Ciano consente ai siciliani di passare con Fina dal dischetto. Raddoppio di Di Micieli, rosso a Biondo.

ingresso_in_campo_a_marsala

Le due squadre fanno il loro ingresso sul rettangolo verde (foto giovanni nuccio)


La migliore partita del Cosenza è stata letteralmente gettata alle ortiche dall’ennesimo errore individuale che non solo costa caro ai silani, ma forse anche alla classifica. I Lupi non concedono niente al Marsala fino al 71′, poi crollano. Ingenuità clamorosa quella di Ciano che vanifica una gara accorta, grintosa e preparata nei minimi particolari da Patania. Ogni contrasto è stato preda di Fiore e Potestio e la carta Biondo sull’out sinistro ha funzionato come nelle previsioni. Seppur spuntato visto l’assenza di Mosciaro, Tedesco e Romano, il Cosenza comunque ha creato tre-quattro palle gol importanti e ha stoppato gli avversari in maniera quasi irriverente. Troppo bello per essere vero ed infatti Fina dal dischetto e poi Di Micieli in contropiede danno un calice amarissimo da bere a Fiore e soci. Da segnalare anche il rosso a Biondo per uno stupido fallo di frustrazione. CRONACA. La gara inizia con Franza che deve indossare una pettorina per distingursi dai padroni di casa e con uno svarione dei biancazzurri che per poco non innescano Biondo. I primi dieci minuti mostrano un Cosenza attento ed ordinato che cerca di giocare la palla a terra sulle corsie laterali ed un Marsala che si appoggia spesso su Palmiteri per far salire la squadra. Provenzano dà una grossa mano al centrocampo, mentre le ali si alzano improvvisamente quando i Lupi manovrano per vie centrali. Al 15′ Conti cerca la verticalizzazione per Palmiteri, ma Parisi chiude spazzando l’area da guai peggiori. La risposta del Cosenza è in una pericolossisima girata di Provenzano dall’interno dell’area di rigore. Rapisarda dalla destra scodella un pallone che passa in mezzo ad una selva di gambe. Anche il numero 10 è sorpreso e colpisce debolmente. Al 24′ Biondo fa secchi due avversari e serve su un piatto d’argento la palla del vantaggio a Caputo che cincischia e dall’interno dell’aria vanifica l’occasione. Alla mezz’ora il Marsala batte un colpo. Conti calcia una punizione tagliata, Franza esce male e la palla resta incustodita in mezzo all’aria. Palmiteri tenta di avventarsi sulla sfera, ma spazza via Rapisarda. Poi tocca a Fiore provarci dalla distanza dopo un’azione molto insistita nata da un break a centrocampo. La ripresa inizia con i rossoblù ancora ad un passo dal vantaggio, Provenzano trova luce e va nello spazio, entra in area e serve Varriale che a non più d tre metri dalla linea di porta cicca clamorosamene sprecando un’occasione incredibile. Patania allora cambia. Fuori Bruno e dentro Rampazzo con Caputo che si allarga a destra e poi a sinistra scambiandosi con Biondo. Al 61′ ancora Lupi vicini allo 0-1. Punizione di Varriale, sponda di Caputo e Provenzano assente all’appuntamento con il gol. Ma la legge del calcio è crudele e non perdona. Ciano non controlla un pallone al limite dell’area che Palmiteri gli ruba facendosi atterrare. Il rigore è sacrosanto e Fina capitalizza l’unico tiro pericoloso dei padroni di casa che altrimenti difficilmente avrebbero impensierito il giovane pipelet silano. Il Cosenza perde la testa e Biondo all’87’ macchia un’ottima prestazione con un rosso evitabilissimo dopo aver rifilato un calcione a Di Micieli. Lo stesso mette il sigillo sull’incontro su azione di contropiede sfruttando un assist perfetto di Palmiteri. Poi solo la delusione del Cosenza e la consapevolezza che sarà un mese di novembre terribile. (Gian Paolo D’Elia)

Il tabellino
MARSALA (4-3-3): Di Masi; Genesio (62′ Di Micieli), Giacaolone, Matinella, Pergolizzi; A. Cusumano, Fina, Conti; Sorrentino (73′ Genovese), Palmiteri, Porto. A disp.: Ippolito, De Vito, Levantino, Cusumano, Fiandaca. All.: Sciacca
COSENZA (4-4-1-1): Franza; Rapisarda, Ciano, Parisi, Varriale; Bruno (50′ Rampazzo), Potestio (72′ Alassani), Fiore, Biondo; Provenzano; A. Caputo. A disp: Ramunno, Scigliano, Veronese, G. Caputo, Castellano. All. Patania
ARBITRO: Bianchi di Roma
MARCATORI: 71′ Fina (rig.), 89′ Di Micieili
NOTE: Giornata primaverile. Spettatori circa 2000 con una decina di ospiti. Espulsi all’87’ Biondo per un fallo difrustrazione. Ammoniti: Bruno, Cusumano, Rampazzo, Provenzano, Fiore; Corner: 4-6; Recupero: 0′ pt – 3′ st

Related posts