Tutte 728×90
Tutte 728×90

Patania: “Qualcuno non sarà contento. Noi ci godiamo il successo”

Patania: “Qualcuno non sarà contento. Noi ci godiamo il successo”

Il tecnico non le manda a dire: “Ci stanno le critiche ma è dura quando non hai la stima di qualche personaggio che ti sta vicino. Io faccio i complimenti ai ragazzi che hanno dato vita ad una grande prestazione. Sono davvero felice per loro”.

patania_enz

Il tecnico del Cosenza Enzo Patania dà indicazioni alla sua squadra (foto mannarino)

Tre punti pesanti, il successo ritrovato, una classifica che si fa più interessante e un calcio alle critiche. La vittoria con la Valle Grecanica ha una miriade di lati positivi e la felicità del gruppo è tutta nel sorriso di Enzo Patania. Prima sarcastico, poi reale e divertito, poi sereno. Per i detrattori la partita con la Valle Grecanica, in caso di una sconfitta dei silani, avrebbe sancito l’addio del mister alla panchina del Cosenza. Difficile capire perché tutte le colpe ricadano sull’allenatore. In campo vanno i calciatori e sebbene a pagare nel calcio sia sempre il tecnico, meriti e demeriti sono da dividere con il gruppo. Ed oggi con la loro prova, con la grinta e le giocate i calciatori hanno dimostrato che loro stanno dalla parte di Patania e con questo allenatore voglio soffrire e gioire. Il trainer del Cosenza lo sa ed insieme al gruppo si gode la vittoria. “Sono contentissimo per i ragazzi perché meritavano un successo cercato fino in fondo. Andare in campo con tanti ragazzi non è un limite perché la mia squadra è composta da tanti elementi e non mi sono mai fasciato la testa. E’ chiaro però che i più giovani sono portati ad essere esplosivi e grintosi ma a commettere anche qualche errore. Noi ne abbiamo pagato uno ma siamo riusciti a rimediare e tutti i miei ragazzi hanno fatto una grandissima gara”. Provenzano e Rampazzo in gol, Rapisarda migliore in campo, Caputo sempre nel vivo del match e Castellano insuperabile a centrocampo. La meglio gioventù silana oggi ha fatto grande il Cosenza, specialmente se si considera che “gli under” hanno affrontato una difesa completamente composta da giocatori d’esperienza. Patania fa i complimenti ai suoi. “Si sono battuti con coraggio senza mollare un centimetro agli avversari. In fase offensiva ci siamo fatti valere mentre in difesa abbiamo chiuso gli spazi con intelligenza. Avevamo preparato bene la gara, consapevoli che Ike e Citro avrebbero spinto molto sulle corsie esterne. Ci hanno messo in difficoltà ma li abbiamo limitati bene”. Poi il tecnico si leva qualche sassolino dalla scarpa. Poche parole. Mirate. “Qualcuno non sarà felice perché si aspettava un risultato diverso. Posso sopportare le critiche perché chi paga il biglietto ha il diritto di esprimere le proprie opinioni. Inoltre so gestire bene le pressioni ma dispiace quando non hai la stima di qualche personaggio che ti sta vicino. Io penso solo al Messina, senza sbirciare la classifica. Guardo avanti con fiducia consapevole che c’è da lavorare e da crescere ancora. E intanto per stasera, insieme ai miei ragazzi, mi godo questa vittoria”. Tecnico e squadra hanno risposto sul campo. I tre punti avvicinano il Cosenza alla vetta ed hanno un valore importante se si pensa alla lunga serie di partite giocate senza successi. Un dato da sottolineare è l’abbraccio simbolico che i tifosi della Curva Sud hanno regalato alla squadra al termine del match. Insieme al coro che invitava tutti a sostenere la squadra anche a Messina. Patania un mese fa disse che era importante far rinascere il Cosenza e l’amore per questa squadra. E l’ambiente dopo qualche difficoltà si sta compattando. Che sia questa la partita della svolta. La tifoseria, quella vera, lo spera. (Francesco Palermo)

Related posts