Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, “coesione ritrovata”. Ma quando si era persa?

Cosenza, “coesione ritrovata”. Ma quando si era persa?

In settimana è stato chiesto a Patania di dimettersi ma la risposta è stata un secco no. Prima della riunione tecnica negli spogliatoi l’abbraccio della curva ai ragazzi scesi in campo.

cosenza-valle_grecanica2

Parisi trattenuto in area di rigore nel corso del secondo tempo (foto mannarino)

E’ un lunedì finalmente sereno per la truppa rossoblù che si gode una giornata di pausa dopo la vittoria con la Valle Grecanica. Il Cosenza ha ritrovato i tre punti e, notizia diramata proprio ieri in tarda serata dalla società, può programmare il futuro con tranquillità grazie alla ritrovata coesione fra staff e proprietà del club. Qualcuno strizzerà gli occhi perché almeno apparentemente non c’erano frizioni fra le due parti. Nessun comunicato, niente di ufficiale, solo qualche voce. E’ normale quindi chiedersi perché nel comunicato si parla di “ritrovata coesione”, quando almeno apparentemente non c’erano problemi. E invece c’erano. L’ultima settimana infatti non è stata certo facile per Enzo Patania. Qualcuno nella dirigenza del sodalizio silano aveva chiesto le dimissioni al mister, ricevendo un secco no. Niente esonero, una richiesta giustamente rispedita al mittente visto che il cammino fatto finora è in linea con le aspettative. Le voci però erano fondate e sebbene nessuno abbia avuto l’accortezza di mettere in discussione il lavoro del tecnico in maniera palese, nelle stanze chiuse qualcuno aveva già deciso di porre fine all’avventura fra Patania e il Cosenza in caso di sconfitta. Lo avevamo scritto prima della gara con la Valle Grecanica. I detrattori si attendevano una sconfitta, anche probabile visto la squadra rimaneggiata. E invece è arrivato un successo, per lo stesso motivo molto importante. La risposta del tecnico, al termine di una settimana pesante è tutta nelle parole di un post partita in cui i calciatori hanno dimostrato di stare dalla parte del loro allenatore. “Qualcuno non sarà felice” ha detto Patania. E poi ha aggiunto che è difficile lavorare senza avere la stima di chi è vicino. Come dire, chi la fa l’aspetti. Certo il tecnico lo ha fatto pubblicamente, davanti ai microfoni e senza peli sulla lingua. Da qui il comunicato della società che intorno alla mezzanotte a chiare lettere indicava dopo una riunione fra soci e staff “la ritrovata coesione e condivisione dei progetti sposati in estate”. Tutto ciò in una settimana. Stranezze del calcio. Intanto la squadra in quei giorni preparava la gara fra mille difficoltà e in novantacinque minuti combattutissimi al San Vito strappava un successo pesante. Il termometro della situazione è nelle mani dei tifosi veri che ieri hanno chiamato i calciatori sotto la Curva Sud invitando tutti a sostenere i lupi anche a Messina. La “coesione”, fra squadra e pubblico si è notata. Con i cori di incitamento dopo il gol del pareggio avversario e con quelli tributati alla squadra nel finale. In questo quadretto finalmente felice è comparsa la nota della società che si unisce a tutto il resto per provare a dare la svolta al torneo. Un po’ facile dopo aver messo in discussione tutto ma comunque importante per viaggiare tutti insieme in una stagione che forse inizia proprio dal due a uno di ieri. (Francesco Palermo)

Related posts