Tutte 728×90
Tutte 728×90

Juniores: Sconfitta e rissa. Al “Macrì” un pomeriggio da dimenticare per il Cosenza

Juniores: Sconfitta e rissa. Al “Macrì” un pomeriggio da dimenticare per il Cosenza

Sull’uno a zero per l’Hinterreggio, l’arbitro espelle Febbraio che all’ingresso degli spogliatoi colpisce un calciatore silano al volto. Poi volano colpi proibiti in campo e sugli spalti. Solo i due allenatori e lo staff silano sono riusciti a riportare la calma dopo il triplice fischio.
juniores_stacco_di_testa
Difficile parlare di calcio dopo i brutti episodi accaduti oggi al “Pompeyo Macrì”. Il Cosenza, in grossa emergenza, contro la capolista Hinterreggio ha dato vita ad una buona partita. Dura ma corretta fino all’ ottantesimo, minuto in cui Febbraio, forse il migliore degli ospiti, ha perso la testa rovinando il match di cartello di questa giornata. L’attaccante in maglia bianco blu, è stato espulso per un brutto fallo su un calciatore silano e prima di entrare negli spogliatoi, ha colpito con un pugno Fabiano, secondo portiere del Cosenza che era li per recuperare alcuni palloni. Da quel momento la partita si è fermata per dieci lunghi minuti di follia. Le squadre si sono riversate negli spogliatoi dove è volato qualche ceffone fra le grida dei tecnici che hanno più volte provato a sedare la rissa. Anche sugli spalti c’è stato qualche colpo proibito negli attimi concitati fra tifosi locali e qualche dirigente ospite. Episodi senza dubbio da condannare, anche perché accaduti in una giornata di sport davanti agli occhi di diversi bambini. Una sciocchezza quella del calciatore Febbraio, subito condannata dal tecnico dell’Hinterreggio. Mister Lo Gatto ha contribuito a calmare gli animi insieme a Luca Altomare e ai dirigenti rossoblù che hanno invitato i propri calciatori a stringere la mano agli avversari nonostante le provocazioni ricevute. Eppure fino a quel momento le squadre si stavano affrontando in un match molto combattuto ma corretto. L’arbitro in più occasioni è intervenuto e spesso non è riuscito nel compito di tenere a bada due squadre che volevano fortemente i tre punti. Altomare, ha dovuto rinunciare a Terranova e Salvino, i due centrali schierati nelle ultime partite e a Piromallo. Squadra inedita quindi per il mister silano contro la capolista Hinterreggio. Gli ospiti fin dai primi minuti hanno pigiato il piede sull’acceleratore trovando il vantaggio al 24′ con Febbraio. L’attaccante approfitta di una indecisione fra Perri e Buffon e deposita la sfera in rete. La reazione del Cosenza è tutta in un tentativo acrobatico di Naccarato, respinto da Parisi, e in un tiro alto di Le Piane dopo una bella azione orchestrata da Magarò e Chiodo. L’Hinterreggio si difende con ordine e non rinuncia alle maniere dure anche nella ripresa, contro un Cosenza che entra in campo trasformato e si riversa nella metà campo ospite. I lupacchiotti fanno molto possesso palla ma non riescono però quasi mai a rendersi pericolosi. Ci prova Naccarato che però sbaglia la misura. Franzese lotta in avanti ma non riesce a liberarsi dalla stretta marcatura degli avversari che in contropiede provano a chiudere il match. Partita aperta fino al brutto gesto di Febbraio che cambia il volto alla gara. L’arbitro è costretto a fermare il match quasi per dieci minuti in cui succede di tutto. Poi l’intervento dei dirigenti che riportano la calma al Macrì per permettere all’arbitro di finire la gara. Nei dieci minuti finali resta da segnalare una punizione di Chiodo terminata fuori sotto gli occhi dei presenti e delle forze dell’ordine, giunte al campo e pronte ad intervenire. Il pomeriggio al “Pompeyo Macrì” termina così dopo il brutto gesto del calciatore ospite e il comportamento positivo da sottolineare dei calciatori rossoblù che insieme allo staff hanno provato riuscendoci a riportare la calma. Uno spettacolo poco gradevole reso meno amaro dai lupacchiotti che a fine gara nonostante il comportamento poco sportivo di alcuni calciatori ospiti, hanno stretto la mano ai pari età dell’Hinterreggio. (f.p.)

COSENZA: Perri, Bosco, Chiodo, De Cicco, Stamato, Buffon, Le Piane, Naccarato (26′ st Pellegrino), Franzese, Magarò (14′ st Scanni), Volpe. A disp: Fabiano, Barone, Rocca, Scarcello, Reda.
All: Altomare.
HINTERREGGIO: Parisi, Scilipoti, Dieni, Morina (19′ pt Pannuti), Barreca, Crea B., Febbraio, Gioia, Pino (34′ st Crea A.), Pellegrino S., Gaetano (14′ st Errigo). A disp: Votano, Catalano, De Felice,
Saccullo. All: Lo Gatto.
ARBITRO: Longo di Paola
MARCATORI: 24′ pt Febbraio.
NOTE: La gara è stata sospesa per circa dieci minuti a causa di alcuni scontri negli spogliatoi e in tribuna. Espulso: al 35’st Febbraio (H) per fallo da ultimo uomo. Amm: Stamato, Naccarato (C), Pellegrino S.,
Gioia . Angolo: 4-2 per il Cosenza. Recupero: 1’pt e 0’st.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it