Tutte 728×90
Tutte 728×90

Fiore ai tifosi: “Abbiate fiducia, il Cosenza ha bisogno di voi”

Il responsabile dell’area tecnica traccia un piccolo bilancio e sottolinea: “Possiamo arrivare in alto se giocheremo con determinazione e voglia di vincere. Le qualità non si discutono”.

fiore_col_telefonino

Stefano Fiore è il responsabile dell’area tecnica del Cosenza (foto mannarino)

Stefano Fiore, così come il resto della dirigenza, è tranquillo per quanto riguarda il preannuncio di reclamo avanzato dall’Adrano. I siciliani potrebbero avere individuato, a loro dire, qualche imperfezione nel tesseramento di Marano, ma Viale Magna Grecia non teme nulla. Tornando al calcio giocato, non sono bastati 25 punti riportare la gente allo stadio. Il numero dei paganti scende vertiginosamente e ormai non si toccano più nemmeno le mille unità. “Dopo ciò che è successo l’anno scorso – spiega l’ex azzurro – lo scetticismo regna sovrano. Ai nostri supporter posso solo chiedere fiducia sperando che alla fine siano ripagati. A prescindere da tutto, c’è bisogno del loro sostegno e del loro incitamento. Mi auguro che da gennaio il popolo dei Lupi risponda come sa fare al nostro richiamo”. Il distacco di sei lunghezze dall’Hinterreggio non è banale, ma può essere colmato solo son una serie di prestazioni convincenti. “Purtroppo abbiamo perso molti punti per strada – continua dalle colonne di Gazzetta del Sud – Niente alibi, però tutti sanno come siamo partiti e in che condizioni. La squadra è stata costruita in fretta e successivamente gli infortuni e le squalifiche hanno decimato il gruppo”. Sinora Stefano ha condotto due sessioni di mercato e, riguardo alla prima, ha ammesso alcune colpe mostrando di possedere grande umiltà. “In serie D certamente non si esprime un calcio di livello ed il tasso tecnico è basso. Quando ho parlato di errori mi riferivo all’ingaggio di alcuni giocatori di Lega Pro che non si sono calati nella mentalità della serie D ed erano poco motivati per la categoria”. Gli ingaggi di Arcidiacono, Longobardi e Marano hanno fatto schizzare in alto il tasso tecnico dell’organico a disposizione di Patania. “Abbiamo sopperito a delle lacune tecniche che in estate, per via del budget, non eravamo riusciti a colmare. Non dimentichiamo che la nuova società per la sola iscrizione ha dovuto sborsare 350 mila euro. Abbiamo provveduto spero nel migliore dei modi. Sono del parere che il Cosenza può giocarsela alla pari con le squadre che lottano per un posto al vertice e, a partite dalla trasferta di Nola con il Nuvla San Felice, pretendo di vedere corsa e grinta. Solo così potremo tornare a sorridere”.  (co. ch.)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it