Tutte 728×90
Tutte 728×90

Quanta benzina nei muscoli del Cosenza. Partito il controricorso

Quanta benzina nei muscoli del Cosenza. Partito il controricorso

Altra doppia sessione di allenamento per Mosciaro e soci che stanno spingendo sul piedo dell’acceleratore prima del rompete le righe di domani pomeriggio.

particolare_allenamento

Un particolare dell’allenamento odierno al Sanvitino (foto mannarino)

Ancora una volta gli uomini a disposizione di Enzo Patania hanno premuto il piede sull’acceleratore. La doppia seduta di allenamento svolta da Mosciaro e soci ha messo ulteriore benzina nei muscoli degli atleti la mattina e fatto assimilare qualche altra nozione di tecnica individuale il pomeriggio. Sono rimasti fermi ai box Ciano e Longobardi che comunque non preoccupano lo staff medico. Il primo non ha ancora smaltito la botta rimediata nella trasferta di Licata e sta approfittando della sosta per guarire completamente svolgendo un lavoro mirato in piscina. L’attaccante invece prosegue nel suo personale programma differenziato che lo induce a non forzare più di tanto. Ottime notizie anche da Parisi. Il capitano oggi è tornato a correre sul rettangolo verde del sanvitino dopo l’esito incoraggiante dell’ecografia sostenuta ieri. A dieci giorni esatti dal ko contro l’Adrano, pertanto, il numero sei dei Lupi sta facendo di tutto per farsi trovare pronto nell’incontro di Nola contro la Nuvla previsto per l’otto gennaio. Tornando alla sgambatura, Patania si è soffermato molto sul dinamismo. In uno spazio ristrettissimo i calciatori si affrontavano in piccoli match uno contro uno e due contro due dove da un lato agivano gli elementi con qualità offensive e dall’altro i difensori. A margine una partitella dove il tecnico siciliano ha mischiato le carte. Domani test con la Juniores intorno alle 14,45. Infine, il club di Viale Magna Grecia ha ha comunicato che la memoria difensiva avverso il ricorso dell’Adrano e’ stata presentata agli organi competenti in data odierna. La Societa’ resta fiduciosa sul positivo accoglimento delle proprie ragioni. (Gian Paolo D’Elia)

Related posts