Tutte 728×90
Tutte 728×90

Trovato l’accordo per il settore giovanile del Cosenza

Il presidente Candelieri continuerà a gestire Juniores ed Allievi dopo aver discusso con il patron Guarascio un incontro serrato. A breve la firma della convenzione.
foto_ultras_ad_acrii
Dopo la maretta dei giorni scorsi, alla fine è arrivata la fumata bianca anche per il settore giovanile che continuerà ad essere gestito in prima persona da Francesco Candelieri con la collaborazione dell’area tecnica e della famiglia Perri, proprietaria del Centro Sportivo Real Cosenza, struttura presso la quale si disputano gli incontri della Juniores e degli Allievi. Candelieri ha sin qui svolto un lavoro eccellente assieme a Fiore e Leonetti, scovando il talento Gassama e portando in prima squadra tutta una serie di ragazzi che stanno crescendo grazie al contatto quotidiano con Parisi, Ciano e compagni. L’ultimo della serie è Salvino che, dopo un avvio di stagione promettente agli ordini di Altomare non ha impiegato molto a trasferirsi al Sanvitino. Piromallo e Terranova invece sono aggregati in pianta stabile con i “grandi”. Partiti in ritardo come il team di Patania a causa delle note vicende che hanno portato alla scomparsa del 1914 e alla nascita della Nuova Cosenza, i ragazzi del settore giovanile stanno tenendo testa agli avversari con grande caparbietà dimostrando di poter competere su buoni livelli. Altomare e Branda (il coach degli Allievi) lavorano in prospettiva, con l’idea di far emergere più elementi possibile. I costi di gestione sono stati accollati interamente da Candelieri il quale, senza avere alcuna carta scritta che lo tutelasse, ha scelto di operare per il bene del club. Il nuovo accordo, da quanto trapelato, continuerà a non gravare sulle casse di Viale Magna Grecia. “Candelieri ha la mia fiducia” ha tagliato corto Guarascio dopo il meeting di ieri sera. L’idea adesso è di riuscire a riconquistare una fetta consistente dei giovani della sterminata provincia che tendono ad abbracciare progetti differenti quale ad esempio quello della Reggina.
Infine è sempre più probabile il ritorno di Pino Citrigno in società. L’ex vicepresidente ha avuto una serie di contatti informali con il patron e alcuni soci che, all’unanimità, hanno deciso di fare un’eccezione per quanto concerne i dirigenti del passato. La sua acclamata fede rossoblù e l’aver riconosciuto gli errori commessi lo pongono in una situazione privilegiata che lo ha portato ad acquistare anche il marchio del 1914 con la piena approvazione dell’amministrazione comunale. “La cosa si può fare – ha spiegato Citrigno – aspetto una chiamata ufficiale”. (cosenzachannel.it)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it