Tutte 728×90
Tutte 728×90

Ed Occhiuto convocò tutti a Palazzo dei Bruzi per mettere pace…

Ed Occhiuto convocò tutti a Palazzo dei Bruzi per mettere pace…

Ieri sera il sindaco ha voluto parlare di persona con Guarascio, Quaglio, Fiore e Leonetti invitando i quattro a mettere da parte i dissidi e lavorare assieme per vincere il campionato.

occhiuto_in_comune_intervistato

Il sindaco Mario Occhiuto durante l’intervista rilasciata a cosenzachannel.it

A Mario Occhiuto non deve essere andato giù leggere che nella squadra di calcio che porta il suo marchio di fabbrica, vanno avanti lotte intestine e dissidi tra le parti. Come avvenuto già in passato, ha aperto le porte del Comune ai protagonisti principali delle ultime giornate per ricordargli che solo lavorando fianco a fianco si può vincere il campionato. Il presidente Guarascio, l’amministratore delegato Quaglio e i responsabili dell’area tecnica Fiore e Leonetti, si sono così recati dal primo cittadino intorno alle 19,30 per raccontare di persona cosa sta succedendo dalle parti di Viale Magna Grecia e dare la propria versione dei fatti. La location dell’incontro non è stata per nulla casuale, ma celebrando il summit a Palazzo dei Bruzi si è voluto dare un tono istituzionale alla tavola rotonda. La sensibilità al problema mostrata da Occhiuto è da apprezzare, anche perché risulta alquanto singolare che un sindaco funga da conciliatore così come spesso sta facendo lui per questioni sportive. Da quanto trapelato, non ha inteso scendere nei dettagli perché ha ritenuto opportuno fermarsi prima. Discutere di un allenatore piuttosto che di un altro del resto, avrebbe avuto poco senso in quella sede. Tuttavia, rivolgendosi al gruppo di imprenditori scelto per rifondare il calcio a Cosenza e al campione che incarna la voglia della piazza di tornare a disputare campionati più consoni, ha richiamato tutti al buon senso. Ha sottolineato che solo trovando la giusta unità di intenti i Lupi possono lottare per vincere il torneo ed ha auspicato che i dissidi vengano messi immediatamente da parte. Più che un auspicio, quindi, la sua richiesta suona come un invito molto poco formale. Sembra, pertanto, che pure stavolta l’intervento di Occhiuto sia servito ad appianare divergenze che avrebbero potuto condurre a conseguenze drastiche e a far crollare il mondo addosso ai tifosi. (f. p.)
GUARDA IN HOME-PAGE LA NUOVA PUNTATA DI TACKLE

Related posts