Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, manca il campo per il derby con l’Acri

Cosenza, manca il campo per il derby con l’Acri

Doppia seduta per i lupi. Assenti Mosciaro, Marano e Alassani a casa con la febbre. Arcidiacono è ancora in Sicilia. Intanto la società non ha trovato il terreno di gioco per il match di domenica.

allegennnna

Il gruppo rossoblù si allena agli ordini di Tommaso Napoli (foto rosito)

Giornata intensa per il Cosenza. Mentre il gruppo ha sostenuto due sedute al Sanvitino, la società ha lavorato per trovare il campo su cui disputare il derby di domenica con l’Acri. Con scarsi risultati. Napoli intanto pensa solo al gruppo ed ha dovuto fare i conti con le assenze di Marano, Mosciaro e Alassani febbricitanti. Il tecnico nella seduta di questa mattina ha provato la pressione sul portatore in una seduta prettamente tattica. Stesso discorso nel pomeriggio. Dopo i consueti esercizi, Napoli ha fatto provare ai rossoblù una lunga serie di schemi. Al mister ex Licata interessa verificare i movimenti in fase offensiva. Tiri in porta, scambi in velocità, finte e tante soluzioni per far breccia fra le maglie avversarie. Poi partitella e tante prove sui calci piazzati. Ritmi alti quindi per il Cosenza che recupera Parisi e Scigliano ma dovrà fare a meno di Arcidiacono. L’esterno è ancora in Sicilia e il suo rientro, previsto per oggi, è stato rimandato. Lo staff tecnico vorrebbe far sostenere al giocatore le visite in città, ma è chiaro che nessuno ha voglia di forzare i tempi del suo rientro. Ritornando sul derby di domenica. Il club rossoblù ha dovuto per forza di cose scartare i campi di Rossano, Scalea e Castrovillari. Le opzioni scelte in principio sono saltate per diversi motivi. Un altro ritardo, perchè la squalifica è ormai nota da tempo ed a quattro giorni di distanza da un match importante e molto sentito, ancora Cosenza e Acri non sanno dove si disputerà la gara. Restano aperte altre piste e diverse soluzioni.Probabilmente nella giorata di domani sarà comunicata la località scelta per il derby.  (Francesco Palermo)

Related posts