Tutte 728×90
Tutte 728×90

Acri con tante assenze e Visciglia rescinde il contratto

Acri con tante assenze e Visciglia rescinde il contratto

Gli avversari del Cosenza non potranno fare affidamento oltre all’attaccante su Di Iuri, Deffo, Perrelli, Martucci e Berlingeri. Ferraro nasconde l’undici, ma si va verso un 4-4-2.

ferraro_acri

Il tecnico dell’Acri Francesco Ferraro in occasione della gara di Coppa (foto mannarino)

L’Acri è stata la squadra rivelazione del girone di andata e grande merito fa al tecnico Francesco Ferraro. A lungo primo in classifica, è stato superato dall’Hinterreggio proprio al giro di boa. Nelle ultime quattro partite ha accusato una pericolosa flessione: tre sconfitte ed un pareggio interno ne hanno parzialmente ridimensionato gli obiettivi. Partiti con il solo traguardo della salvezza, l’appetito è venuto strada facendo. A dicembre i rossoneri si sono rinforzati con gli acquisti di La Canna e Alessandrì, mentre hanno risolto il contratto con Sergi. Al derby di ritorno i Lupi si presentano però con tante assenze, sei quelle sicure. Mancherà il portiere Di Iuri che ha subito un brutto infortunio e forse recupererà in tempo solo per le ultime giornate di campionato. I forfait più pesanti tuttavia riguardano l’asse centrale: il colored Deffo e il capitano Perrelli rappresentano le colonne della squadra e perderli contemporaneamente per volontà del Giudice Sportivo è stato un duro colpo. Guarderanno il match dalla tribuna anche Martucci e Berlingeri, mentre Visciglia merita un capitolo a parte. Nei giorni scorsi sembra che la punta abbia avuto degli screzi con alcuni dirigenti e sia stato messo fuori rosa. Ieri, poi, un comunicato ha informato la stampa della rescissione del contratto: “Nei giorni scorsi – si legge nella nota – il sig.Visciglia aveva espresso la volontà di non poter partecipare a tutte le sedute di allenamento per motivi personali. Da qui la decisione di interrompere il rapporto di lavoro con un giocatore che si è dimostrato sempre corretto sia con i dirigenti che con i compagni e la tifoseria. A lui auguriamo di risolvere i problemi e di raggiungere ancora tante fortune”. Pertanto Ferraro pensa ad 4-4-2 con una punta statica (Alessandrì) ed una di movimento (Galantucci). A centrocampo l’ex La Canna dovrebbe agire a destra con Foderaro dalla parte opposta. In mezzo Cavatorti ed uno tra Filidoro e Naccarato dovranno dare il giusto filtro e ringhiare sulle caviglie degli avversari. A difesa del pipelet Gambi, invece, agiranno Sposato, Bilotta, Filippo e Mancino. Da segnalare il nervosismo di parte della tifoseria acrese. Dopo il ko interno con il Licata di sette giorni fa sono stati contestati il tecnico e il dg Battaglia. (Gian Paolo D’Elia)

Related posts