Tutte 728×90
Tutte 728×90

Mosciaro: “Non possiamo mollare adesso”

Mosciaro: “Non possiamo mollare adesso”

L’attaccante rossoblù euforico per la doppietta nel derby: “La prestazione ci da conforto. Ora dobbiamo lavorare bene durante la sosta e ripartire inanellando risultati utili consecutivi”.

esultanza_mosciaro_a_scalea

Manolo Mosciaro esulta dopo aver realizzato il rigore del 2-1 (foto mannarino)

Una firma d’autore. Il derby di Scalea tra Acri e Cosenza la decide, nei numeri, il cosentino Manolo Mosciaro (27). Una doppietta che stende l’Acri volenteroso ma non all’altezza di un Cosenza cinico e spietato che ha sfruttato al massimo il suo potenziale offensivo. Prima Longobardi e poi Mosciaro non hanno lasciato scampo ai difensori rossoneri. Il bottino poteva essere ancora più succulento se solo quest’ultimi due avessero capitalizzato tutte le occasioni avute. Ma va bene lo stesso. E’ il Cosenza che sorride e vince, seppur di misura, ritrovando tre puti importanti. Così Mosciaro. “Avevamo bisogno di una vittoria ma anche di una prestazione convincente. Così è stato e questo testimonia che la squadra ha voglia di fare bene ed iniziare un percorso che porti allo scontro con l’Hinterreggio in una posizione di classifica migliore. Finché la matematica non ci condanna dobbiamo crederci e puntare al massimo risultato possibile. Lo dobbiamo ai nostri tifosi e anche a chi, in società, ha dato fiducia a questa rosa”. Nell’analizzare la gara l’attaccante precisa. “Se vogliamo l’unico neo della gara odierna è il fatto che abbiamo preso due gol evitabilissimi. Dovremo lavorare su quest’aspetto. Non bisogna consentire agli avversari, in determinate circostanze, di poter riaprire una gara chiusa”. Chiusura dedicata ai prossimi impegni. “Ora ci aspetta la sosta e dobbiamo lavorare duro per cercare di affinare quei meccanismi che ancora non vanno. Dopodiché bisogna inanellare risultati utili consecutivi per mettere in cascina più punti possibili e affrontare l’Hinterreggio, chissà, con meno punti di distacco. Non possiamo mollaro adesso”.
(Antonello Greco)

Related posts