Tutte 728×90
Tutte 728×90

Guarascio, riparte il leitmotiv: “Cerchiamo nuovi soci che vogliano bene al Cosenza”

Guarascio, riparte il leitmotiv: “Cerchiamo nuovi soci che vogliano bene al Cosenza”

Il presidente ammette che sarebbe gradito l’appoggio di nuovi imprenditori (De Caro ha declinato l’invito), e sottolinea che i bonifici ai giocatori partiranno nella prossima settimana.

guarascio_eugenio

Il presidente della Nuova Cosenza Calcio Eugenio Guarascio (foto mannarino)

Eugenio Guarascio, come detto, ha toccato con mano cosa significhi gestire una società di calcio. Come altri suoi predecessori pare sia stato lasciato solo nell’amministrare il club rossoblù ed ha constatato giovedì a cena che molti altri dirigenti hanno preferito non occupare il posto a loro destinato a Palazzo Salfi. “Abbiamo parlato di lavoro. Nel corso della serata ci siamo confrontati con chi invece c’era e sono emerse diverse posizioni”. Le sedie vuote hanno fatto scattare un campanello d’allarme che in riva al Crati suona spesso ed hanno indotto il numero uno di Viale Magna Grecia a ripetere lo stesso leitmotiv di chi prima di lui si è seduto sulla poltrona di presidente. Vale a dire la celeberrima frase “cerchiamo nuovi imprenditori che vogliano bene al Cosenza”. Dalle colonne della Gazzetta del Sud Guarascio, dispiaciuto, ha sottolineato che se gli assenti “non hanno più intenzione di condividere il nostro progetto, saranno sostituiti con delle alternative. Per quanto mi riguarda sono alla ricerca di altri due-tre imprenditori che abbiano a cuore le sorti del calcio cosentino”. Dopo sei mesi di vita, pertanto, è ufficiale che i Lupi devono trovare il modo di togliere le castagne dal fuoco. Su Cosenza Sport il costruttore Franco De Caro ha ammesso di essere stato contattato, ma ha declinato l’invito. Insomma, non una bella situazione per chi ad agosto dicendo sì al sindaco Occhiuto incarnava la voglia di rinascita sportiva della città sbandierando ai quattro venti di voler voltare pagina dopo l’esclusione dai professionisti. Guarascio ha parlato pure degli stipendi che i calciatori hanno reclamato assieme ad una serie di garanzie per il futuro. “I bonifici saranno effettuati nella prossima settimana – ha aggiunto sempre su GdS – I ragazzi hanno avuto nel pomeriggio di ieri un colloquio con l’ad Quaglio e col dg Rausa che hanno rassicurato il gruppo (era presente anche l’area tecnica, ndr). Purtroppo stiamo giocando in trasferta ed a porta chiuse: non incassando un centesimo in queste condizioni è fisiologico un piccolo ritardo”. Non un accenno invece alle varie questioni ancora aperte quali il settore giovanile, le palesi divergenze con Fiore e le lacune comunicative. Tutte prime o poi verranno al pettine e andranno risolte.  (co. ch.)

Related posts