Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, la società risponde: “Vi abbiamo pagati”. Intanto i Lupi si sfogano in campo

Cosenza, la società risponde: “Vi abbiamo pagati”. Intanto i Lupi si sfogano in campo

La squadra sul rettangolo verde del San Vito rifila otto reti al San Lucido. Tommaso Napoli ha provato Fiore nel ruolo di terzino destro con Castellano e Ciano in mediana.

rapisarda_con_lio

Rapisarda rincorre Lio durante il derby di domenica scorsa (foto mannarino)

Dopo le dichiarazioni-shock di Parisi e Mosciaro a nome di tutti i compagni, la squadra ha sostenuto la consueta partitella del giovedì. Il morale non sarà stato dei più alti, ma l’impegno non è mai venuto meno né in settimana, né la domenica in campo. A penalizzare il Cosenza è stato il contesto, la mente poco libera dei calciatori ed una serie di errori individuali che alla lunga ne hanno compresso il campionato. Fatto sta che sul rettangolo verde del San Vito c’erano gli sparring-partner del San Lucido, un club che milita in Promozione. Il test è stato utile a Tommaso Napoli per provare alcune soluzioni in vista della trasferta in riva allo Stretto con la capolista Hinterreggio. Le assenze di Ramunno e Gassama pesano, ma la rosa allestita da Stefano Fiore permette ugualmente di sopperire a situazioni di emergenza. Napoli deve cercar di far quadrare il cerchio dal punto di vista tattico e garantire un equilibrio di fondo al proprio undici. Molto dipende dagli under che sceglierà. L’esperimento oggi ha riguardato Fiore, schierato da terzino destro in modo da lasciare spazio in mediana a Ciano e Castellano. Rapisarda ha agito a sinistra, con la coppia Parisi-Varriale in mezzo. Sulle fasce Biondo e Arcidiacono sembrano inamovibili, pertanto Mosciaro si è posizionato poco più indietro di Longobardi. La formazione che proverà a rompere le uova nel paniere a Di Maria alla fine dovrebbe essere composta da questi elementi, ma sistemati in maniera differente qualora Rapisarda dovesse tornare a destra, Varriale a sinistra e Ciano in difesa. In quel caso Fiore resterebbe a centrocampo. Per la cronaca, la gara è terminata con il punteggio di 8-0 grazie alla tripletta di Romano e agli acuti di Longobardi, Mosciaro, Arcidiacono, Alassani e Marano. A bordo campo c’era Gassama in borghese che zoppicava vistosamente a causa dello stiramento alla coscia destra. Per lui ci vorrà un po’ di tempo. Intanto la società ha replicato alla conferenza dei calciatori. “In merito alla conferenza stampa indetta da alcuni tesserati – si legge nella nota – salvo i provvedimenti del caso, la società ribadisce di aver corrisposto gli stipendi integralmente a tutti i calciatori fino a tutto dicembre con i relativi accordi economici regolarmente depositati in Lega. In ordine alle somme ulteriori relative solo ad alcuni giocatori, la società si è riservata di corrisponderle sempre e solo nelle forme consentite dalle norme di legge e federali. Considerata l’importanza della prossima partita, la società rinvia la comunicazione di ogni ulteriore determinazione in merito a lunedì. La società si dice fiduciosa che nelle prossime partite tutti i protagonisti del progetto sapranno dimostrare il proprio attaccamento ai colori sociali in un momento così delicato della stagione“. (cosenzachannel.it)
CLICCA QUI PER VEDERE IN ESCLUSIVA LA CONFERENZA DEI CALCIATORI ROSSOBLU’

Normal 0 14 false false false MicrosoftInternetExplorer4

Dopo le dichiarazioni-shock di Parisi e Mosciaro a nome di tutti i compagni, la squadra ha sostenuto la consueta partitella del giovedì. Il morale non sarà stato dei più alti, ma l’impegno non è mai venuto meno né in settimana, né la domenica in campo. A penalizzare il Cosenza è stato il contesto, la mente poco libera dei calciatori ed una serie di errori individuali che alla lunga ne hanno compresso il campionato. Fatto sta che sul rettangolo verde del San Vito c’erano gli sparring-partner del San Lucido, un club che milita in Promozione. Il test è stato utile a Tommaso Napoli per provare alcune soluzioni in vista della trasferta in riva allo Stretto con la capolista Hinterreggio. Le assenze di Ramunno e Gassama pesano, ma la rosa allestita da Stefano Fiore permette ugualmente di sopperire a situazioni di emergenza. Napoli deve cercar di far quadrare il cerchio dal punto di vista tattico e garantire un equilibrio di fondo al proprio undici. Molto dipende dagli under che sceglierà. L’esperimento oggi ha riguardato Fiore, schierato da terzino destro in modo da lasciare spazio in mediana a Ciano e Castellano. Rapisarda ha agito a sinistra, con la coppia Parisi-Varriale in mezzo. Sulle fasce Biondo e Arcidiacono sembrano inamovibili, pertanto Mosciaro si è posizionato poco più indietro di Longobardi. La formazione che proverà a rompere le uova nel paniere a Di Maria alla fine dovrebbe essere composta da questi elementi, ma sistemati in maniera differente qualora Rapisarda dovesse tornare a destra, Varriale a sinistra e Ciano in difesa. In quel caso Fiore resterebbe a centrocampo. Per la cronaca, la gara è terminata con il punteggio di 8-0 grazie alla tripletta di Romano e agli acuti di Longobardi, Mosciaro, Arcidiacono, Alassani e Marano. A bordo campo c’era Gassama in borghese che zoppicava vistosamente a causa dello stiramento alla coscia destra. Per lui ci vorrà un po’ di tempo.  (cosenzachannel.it)

Related posts