Tutte 728×90
Tutte 728×90

Il Cosenza che non ti aspetti riapre il campionato. Battuto l’Hinterreggio (1-3)

Il Cosenza che non ti aspetti riapre il campionato. Battuto l’Hinterreggio (1-3)

Prestazione sterpitosa della compagine di Napoli. Silani sotto ad inizio gara. Poi la rimonta firmata da Provenzano, autore di una doppietta, e da Mosciaro. Cosenza perfetto. 

rigore_mosciaro_hinterreggio

Il rigore trasformato da Mosciaro all’andata proprio contro l’Hinterreggio.

E’ un Cosenza da stropicciarsi gli occhi quello visto oggi a Reggio Calabria. I silani hanno espugnato il comunale di Ravagnese con una prestazione super al cospetto di una squadra ben messa in campo e dura a morire. La risposta della squadra è arrivata. Dopo lo sfogo di Parisi e soci in una settimana delicatissima, i rossoblù hanno piegato la capolista dimostrando che questo gruppo merita rispetto. Hinterreggio avanti con l’ex Ungaro dopo pochi minuti. Poi la reazione veemente dei Lupi che trovano il pari con Provenzano, raddoppiano sempre con il centrocampista e si difendono con grinta e ordine fino al 90′. Mosciaro prima del triplice fischio mette il sigillo su una prestazione da incorniciare. Campionato riaperto ma quanti rimpianti per i punti persi nel corso della stagione.  La cronaca: Gara appena iniziata. Ci prova subito il Cosenza. Corner e intervento di Longobardi ma è bravo Cutrupi nella respinta. La palla termina sui piedi di Parisi che non trova lo specchio della porta. L’Hinterreggio però trova subito il gol. Ancione su punizione mette la palla in mezzo, la difesa rossoblù buca l’intervento e Ungaro ben appostato in area la butta dentro. Gol dell’ex per il difensore di Di Maria. Il Cosenza prova a rispondere sugli sviluppi di un corner ma la difesa di casa fa buona guardia. Gara molto spezzettata e vento forte che sta condizionando il match. Al 18′ i silani pareggiano. Punizione poco fuori dalla lunetta dell’area di rigore. Mosciaro calcia e Cutrupi respinge con il piede destro. Provenzano è il più lesto a raccogliere la ribattuta e di testa trova il pari. Cresce la spinta dei rossoblù. Al 20′ ripartenza veloce. Arcidiacono serve Adriano Fiore che ci prova con una conclusione violenta ma fuori misura. Due minuti dopo è ancora Cosenza. Arcidiacono entra in area e cede la sfera a Mosciaro che ci prova. Cutrupi fa buona guardia. Ci prova anche Marano al 24′. Stop e tiro di prima intenzione ma la palla termina alta. Rossoblù ad un passo dal vantaggio al 28′. Azione manovrata e palla per Marano. Cross di prima intenzione e colpo di testa di Longobardi. Il vento cambia la traiettoria della sfera che bacia la traversa. Molto meglio il Cosenza in una partita vivace. Risponde la compagine di Di Maria che si affida spesso ai calci piazzati. Ci prova al 31′ Lavrendi su punizione ma la palla termina fuori. Fase calda del match. Il Cosenza meriterebbe il vantaggio e l’Hinterreggio fa fatica a contenere gli uomini di Napoli. Tanti interventi duri e a farne le spese è Eseola che si fa ammonire per un brutto intervento su Ciano. Al 37′ il Cosenza trova il gol. Cross dalla destra di Marano e fallo evidente su Longobardi. L’arbitro non decreta il penalty e la difesa di casa respinge male. La sfera termina sui piedi di Provenzano che con un sinistro imprendibile dai venticinque metri batte Cutrupi. Gol spettacolare, doppietta per il giovane centrocampista e vantaggio meritato per il Cosenza. Al 45′ Palumbo prende palla da fuori area e prova la conclusione. Palla ampiamente a lato con Eseola ben appostato che attendeva il passaggio. Dopo un mnuto di recupero l’arbitro decreta la fine del primo tempo. Di Maria effettua una sostituzione. Fuori Eseola, nervoso e inconcludente e dentro il giovane Trentinella. Si riparte con i silani subito vicini al terzo gol dopo trenta secondi. Marano prende la mira e dai trenta metri lascia partire un bolide che mette i brividi a Cutrupi. Lupi ancora in avanti al 51′. Longobardi difende palla e serve ancora Provenzano ben appostato dal limite dell’area. Conclusione e palla respinta forse con un braccio da Franceschini. Rischia grosso però il Cosenza al 54′ su una ripartenza. Palla in area per Franceschini che colpisce a botta sicura. La difesa silana, un po’ in affanno si rifugia in corner. Match spettacolare. L’Hinterreggio spinge sull’acceleratore. Al 55′ conclusione di Palumbo e respinta sulla linea di porta di Marano. Il Cosenza pulisce l’area e riparte in contropiede con Mosciaro che fa trenta metri palla al piede e calcia dai venticinque metri. Bravissimo Cutrupi. Di Maria vuole a tutti i costi pareggiare i conti e si schiera con una formazione totalmente sbilanciata in avanti. Fuori infatti Vicari e dentro Impallari al 58′. Ritmi altissimi al comunale di Ravagnese. Hinterreggio determinata ed aggressiva ma il Cosenza non molla e sta disputando una gara di altissimo spessore. Lupi ancora vicini al terzo gol al 65′. Punizione velenosa di Arcidiacono e Ciano da ottima posizione manca l’impatto con la sfera. Occasione sprecata dai rossoblù. Di Maria opera un altro cambio al 67′. Dentro Crucitti per Lavrendi. Ancora Cosenza al 72′. Uno-due in area fra Mosciaro e Longobardi con l’attaccante ex Aversa anticipato di un soffio al momento della battuta. Riparte l’Hinterreggio, palla da Ancione per Palumbo che tira in porta da fuori area. Franza controlla con calma e fa ripartire l’azione. Spinge il Cosenza e Fiore è imprendibile sulla corsia di destra. L’esterno semina il panico e crossa in area ma Franceschini anticipa Longobardi ben appostato e pronto all’intervento di testa. Cambia anche Napoli all’81’. Fuori Marano autore di un’ottima prova e dentro Caputo che andrà a dare sostanza al centrocampo. All’83’ Mosciaro ha sui piedi la palla del tris ma l’attaccante da posizione ravvicinata non trova la misura con un pallonetto. Forze fresche in campo per reggere l’urto nei cinque minuti finali. Dentro Salvino per Provenzano all’85’. All’ 87′ punizione di Crucitti per Palumbo. L’attaccante da ottima posizione si gira e conclude ma Franza è bravo con un intervento preciso sventa la minaccia. Dentro anche Romano. Quattro i minuti di recupero. Al 94′ Romano in azione di contropiede si invola e cede la palla a Mosciaro. Stop e rete. Il tris è servito e il Cosenza espugna il comunale di Ravagnese con la migliore prestazione stagionale.

HINTERREGGIO (4-3-1-2): Cutrupi; Sciarrone, Franceschini, Ungaro, Marguglio; Vicari (58′ Impallari), Lavrendi (67′ Crucitti), Iennaco: Ancione; Eseola (46′ Trentinella), Palumbo. A disp: Cambareri, Taverniti, Gioia, Crucitti, Arigò, Eseola, Impallari. All: Di Maria.
COSENZA (4-4-2): Franza; Fiore, Ciano, Parisi, Rapisarda; Marano (81′ Caputo), Castellano, Provenzano (85′ Salvini), Arcidiacono; Mosciaro, Longobardi (90′ Romano). A disp: Perri, Marchio, Caputo, Potestio, Terranova, Salvino, Romano. All: Napoli
ARBITRO: Vesprini di Macerata.
MARCATORI: 4′ Ungaro, 18′ Provenzano, 37′ Provenzano, 90+4 Mosciaro. 
NOTE: Cancelli aperti al comunale di Ravagese. Spettatori circa cinquecento. Presente anche un buon numero di sostenitori provenienti da Cosenza. Espulso per proteste l’allenatore dell’Hinterreggio Di Maria. Amm: Franceschini, Castellano, Eseola, Sciarrone, Longobardi. Esp:– Ang: 4-5 Rec: 1’pt, 4′ st.

Related posts