Tutte 728×90
Tutte 728×90

Napoli: “Meritavamo i tre punti. Il pari? Una casualità”

Napoli: “Meritavamo i tre punti. Il pari? Una casualità”

Il tecnico precisa: “Avevamo assaporato una vittoria che avremmo meritato. Abbiamo lottato senza fare barricate”. E sull’infortunio di Mosciaro: “Speriamo non sia nulla di grave”.

parisi_a_palazzolo

Nello Parisi non ha perso un contrasto a Palazzolo (foto Giovanni Baglieri)

Continua il “vorrei ma non posso”. Protagonista il Cosenza di Tommaso Napoli. Altri tre punti buttati al vento dopo quelli contro Sambiase e Acireale. Zona Cesarini fatale per Parisi e compagni che hanno sciupato troppo consentendo al Palazzolo di pareggiare su rigore. A fine gara il tecnico silano precisa. “A chi dice che è un campionato mediocre rispondo che è un campionato esaltante e ancora aperto soprattutto in testa. L’Hinterreggio sente il fiato sul collo di tante squadre e ancora tutto può succedere. Noi possiamo ancora dire la nostra”. Poi un commento sulla gara. “Avevamo assaporato una vittoria che avremmo meritato. Abbiamo lottato senza fare barricate. Non dobbiamo mollare perché non ci sono campi facili. Vedi quello che è successo all’Adrano che è stato sconfitto da una “piccola” come il Sambiase. Per quanto riguarda la gara di oggi posso solo dire che il pareggio è nato da una casualità. Certo il Palazzolo è una buona squadra. Ma se analizziamo la gara odierna non abbiamo consentito ai padroni di casa di andare al tiro se non da trenta metri”. Spazio poi ad una precisazione. “Da quando sono arrivato cerco di inculcare una mentalità aggressiva per cercare di giocarcela contro chiunque a viso aperto. Incontravamo una delle migliori squadre del torneo e dopo aver trovato il vantaggio non siamo riusciti ad essere ancora più determinati e cattivi per trovare il raddoppio. Però non posso rimproverare nulla ai miei giocatori. L’infortunio di Mosciaro? Ha preso una botta tra l’anca e il fianco. Speriamo non sia nulla di grave”. Infine i complimenti a Ferla, estremo difensore avversario, e un aneddoto. “Il portiere del Palazzolo è stato determinante e dimostra di valere altre categorie. Certo, anche noi non abbiamo concretizzato come dovevamo. Cosa ho detto ai ragazzi alla fine del primo tempo? Di giocare da primi della classe. E nel secondo tempo abbiamo dimostrato che possiamo ancora lottare per qualcosa di importante. Stiamo migliorando di settimana in settimana. L’allenatore sono io e, a differenza di quanto può pensare qualcun altro, vedo nei giocatori tanta voglia di lottare per qualcosa di importante”.  (Luca Sini)

Related posts