Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, quei pareggi dal sapore di sconfitta

Cosenza, quei pareggi dal sapore di sconfitta

Con i tre punti in palio spesso mancare la vittoria è come perdere la partita. Specialmente quando si è costretti a rincorrere. Oggi Gassama dovrebbe lasciare l’ospedale.

arcidiacono_a_palazzolo

Arcidiacono ancora devastante nella gara di Palazzolo (foto giovanni baglieri)

Con l’Hinterreggio che ha fatto di nuovo il vuoto dietro di sè (solo l’Adrano vincendo domani nel recupero con il Licata potrebbe portarsi a -4), è giusto chiedersi a freddo se un pareggio esterno sia da accogliere positivamente. Per il Cosenza non potrà mai esserlo fino alla fine del campionato perché i Lupi sono obbligati a vincerle tutte per sperare di agguantare la capolista. Parisi e compagni sono costretti a rincorrere un avversario che ha già un vantaggio considerevole e che nelle rimanenti sette gare affronterà anche Interpiana e Nissa. Ciò significa che i rossoblù devono azzerare il gap in solo cinque partite, ergo compiere un miracolo. L’imbattibilità dei Lupi dura da nove domeniche, otto con Napoli in panchina. Senza dubbio un buon ruolino di marcia se non fosse che per dare la “scossa” al campionato invocata da Quaglio e Guarascio, sarebbero servite vittorie a grappoli e non solo pareggi. Napoli ne ha collezionati cinque a fronte di tre successi, uno dei quali con la derelitta Interpiana. Da qui la considerazione di cui prima: contro Noto, Sambiase, Gelbison, Acireale e Palazzolo il bicchiere non può che essere mezzo vuoto e che l’imbattibilità non serve a nulla. Nelle dichiarazioni del post-partita nessuno ha dato per chiuso il torneo ed è corretto che sia così, ma saranno le prossime due-tre giornate a dire se i silani devono concentrarsi sulla prossima stagione o perseverare nella rincorsa. In più, attenzione al Messina: giocherà a San Vito, ma ha il calendario più facile e senza il -7 dividerebbe la poltrona più ambita con Di Maria. Per concludere, una nota di colore ed una buona notizia. Fiore e Leonetti sono al Nord per questioni personali e ieri sera hanno salutato a Bologna Matteini, molto legato ai responsabili dell’area tecnica rossoblù. Oggi intanto Gassama lascerà l’ospedale dopo l’operazione per iniziare la riabilitazione. Tornerà in campo a settembre.  (Alberto Celestino)

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it