Tutte 728×90
Tutte 728×90

Cosenza, ostacolo Marsala superato (2-0)

Cosenza, ostacolo Marsala superato (2-0)

Con un buon secondo tempo i silani trovano i tre punti. Reti di Fiore e Ardiciacono. Ottima prova di Marano che ha cambiato il volto del match. Rossoblù ancora a sei punti dall’Hinterreggio.

mosciaro_sbaglia_il_rigore

Manolo Mosciato fallisce il penalty sulla cui ribattuta segnerà Fiore (foto mannarino)


Alla fine a spuntarla è stata la squadra più forte. Cosenza e Marsala, impegnate su due fronti opposti della classifica ma con motivazioni comunque importanti, nel primo tempo si sono praticamente annullate. Rossoblù incapaci di verticalizzare verso la punta e di creare superiorità sulle corsie esterne. Nella ripresa i lupi partono meglio. Mosciaro sfiora il gol e Napoli manda in campo Marano per dare più imprevedibilità alla squadra. Scelta premiata dall’esterno che si procura il rigore ribadito in rete da Fiore dopo la respinta del portiere sul tiro di Mosciaro. Al novantaquattresimo arriva anche il raddoppio degli uomini di Napoli che continuano così a sperare in un passo falso dell’Hinterreggio. La cronaca: Gara appena iniziata al San Vito. Avvio tutto di marca silana. Romano impegna il portiere ospite in uscita dopo un minuto. Poco dopo ci prova Provenzano con un sinistro da fuori area ma la palla è larga. Al 10′ punizione dalla distanza di Condi. Il tiro è centrale ma potente, Franza non trattiene e in due tempi perfeziona l’intervento vanificando il tentativo di tap in di Palmiteri. Il motivo della partita è ormai chiaro. Il Cosenza manovra contro il Marsala che in fase difensiva si schiera con un 4-5-1. Pochi spazi per i silani e azioni di rimessa per i siciliani che provano con scarsi risultati ad affacciarsi in maniera pericolosa dalle parti di Franza. Al 20′ primo corner per i silani. Batte Arcidiacono, respinta della difesa per Biondo che cede la sfera a Fiore ben appostato sui venrticinque metri. Tiro potente ma palla deviata dalla difesa. Buona opportunità per i lupi al 22′. Romano riceve palla da Provenzano sulla destra. Stop dribbling da posizione defilata e destro che termina la sua corsa sull’esterno della rete. Al 30′ arriva il primo giallo della gara. Palmiteri nel tentativo di rubare la sfera a Parisi frana sul capitano rossoblù che reagisce. L’arbitro punisce Parisi con il cartellino. Decisione forse un po’ affrettata. Il Cosenza non riesce a pungere e si innervosisce. Giallo anche per Biondo che avrà detto qualcosa di troppo all’arbitro. Al 35′ Arcidiacono ci prova con un sinistro che termina lentamente la suo corsa a lato. Primo cambio per Sciacca al 35′. Fuori Porto e dentro Marino. Al 38′ il Cosenza crea i presupposti per il vantaggio. Azione veloce in ripartenza. Provenzano cede la sfera a Romano che pesca Mosciaro. L’attaccante da fuori area con un pallonetto morbido trova sulla destra l’accorrente Arcidiacono. Pergolizzi da dietro spinge l’esterno rossoblù che cade in area. Per l’arbitro è tutto regolare. Al 44′ Arcidiacono dribbla un uomo sulla sinistra e crossa in mezzo. Biondo per un soffio non trova da ottima posizione il tap in vincente. Dopoi un minuto di recupero l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi. Gara ripresa senza cambi. Al 47′ Mosciaro dai trenta metri scaglia un bolide che fa la barba al palo. Incredibile al 52′. Mosciaro si gira in area e calcia. Il portire ospite si supera ma la sfera termina sui piedi di Romano che calcia a botta sicura. Pergolizzi respinge con un braccio ma l’arbitro lascia proseguire fra le proteste veementi dei silani. Cosenza tutto in avanti alla ricerca della vittoria. Napoli tenta il tutto per tutto. Dentro Marano e fuori Caputo al 55′. Al 58′ i lupi passano. Marano prende palla sulla sinistra, entra in area e dribbla Pergolizzi che lo atterra. E’ penalty. Mosciaro batte ma Di Masi respinge, Fiore si avventa come un falco sulla sfera e porta in vantaggio i padroni di casa. Il Cosenza amministra il vantaggio con ordine quando mancano venti minuti al termine della gara. L’impressione è che gli ospiti non siano in grado di far male ai silani. Al 79′ ancora Cosenza. Al 82′ i silani falliscono una grossa occasione. Azione in contropiede condotta da Mosciaro che dalla sinistra cede la sfera in mezzo a Marano. Assist perfetto per Arcidiacono che solo in area contro Di Masi calcia di destro e sbaglia clamorosamente la misura. Si sveglia tardi il Marsala che all’88’ sfiora il pari. Sugli sviluppi di un corner palla sui piedi di Genovese che calcia dai diciotto metri. Franza con un miracolo toglie la sfera dall’incrocio dei pali. Il Cosenza riparte in contropiede. Arcidiacono fa sessanta metri palla al piede e cede la sfera a Longobardi che solo davanti al portiere stoppa male e calcia alto. Al 94′ il Cosenza raddoppia. Il Marsala si riversa in aria silana per sfruttare un corner. Sale anche il portiere ma il Cosenza se ne va in contropiede. Marano porta palla e calcia in porta. La sfera si avvia debolmente in rete e Arcidiacono timbra il sue a zero. Gara terminata.

Il tabellino:
COSENZA (4-4-1-1):
Franza; Fiore, Scigliano, Parisi, Rapisarda; Biondo (68′ Longobardi), Caputo (55′ Marano), Provenzano, Arcidiacono; Romano; Mosciaro (89′ Potestio). A disp.: Perri, Terranova, Potestio, Castellano, Salvino, Marano, Longobardi. Allenatore: Napoli
MARSALA (4-3-3): Di Masi, Genisio, Impiccichè, Matinella, Pergolizzi; Giacalone, Porto (35′ Marino), Condi, Cusumano (80′ Daidone); Palmiteri, Sorrentino (68′ Genovese). In panchina: Milani, De Vito, Genovese, Trezza, Minì, Marino, Daidone. Allenatore: Sciacca
ARBITRO: Boggi di Salerno
MARCATORI: 58′ Fiore, 90+4′ Arcidiacono.
NOTE: Spettatori meno di un migliaio. Espulsi: -; Ammoniti: Parisi, Biondo, Impiccichè, Matinella, Arcidiacono, Giacalone, Provenzano, Romano, Daidone, Longobardi, Genovese. ; Angoli: 5-4; Recupero: 2’pt, 4’st.

Related posts

error: Contenuto Protetto Da Copyright Cosenzachannel.it