Tutte 728×90
Tutte 728×90

Rapisarda tiene in ansia il Cosenza

Rapisarda tiene in ansia il Cosenza

Il terzino è uscito anzitempo nel test contro la Paolana a causa di un risentimento all’inguine. Anche Mosciaro non ha partecipato al test (terminato 1-1)  in maniera precauzionale.

rapisarda_palla_al_piede_sanvito

Francesco Rapisarda è in dubbio per la gara di domenica a Melito (foto mannarino)

L’amichevole disputata al “Tarsitano” di Paola doveva servire a Napoli per far abituare i suoi uomini a giocare sul terreno in sintetico e soprattutto al livello del mare. Domenica prossima, infatti, lo stadio “Spinella” di Melito Porto Salvo, tana della Valle Grecanica, avrà le stesse caratteristiche dell’impianto tirrenico. A complicare i piani del tecnico rossoblù è stato il problema fisico che ha colpito Francesco Rapisarda. Il terzino, a metà della prima frazione di gioco, ha dato forfait anzitempo a causa di un dolore muscolare all’inguine. Il difensore, classe ’92, sarà sottoposto ad alcuni accertamenti  e solo dopo si capirà se sarà possibile recuperarlo in vista del prossimo match. Tornando all’amichevole si è trattato di un test di una certa portata dato che la Paolana, allenata da Andreoli, è vicecapolista del campionato di Promozione. Napoli ha schierato una formazione non lontana da quella titolare con Franza tra i pali, Rapisarda, Scigliano, Parisi e Varriale in difesa, Fiore, Ciano, Provenzano e Marano a centrocampo e Romano di supporto all’unica punta Longobardi. Mancavano Mosciaro (tenuto precauzionalmente a riposo ma per il quale non sembrano esserci problemi su un possibile impiego domenica prossima), Alassani (il quale sta seguendo un lavoro specifico a causa di un problema muscolare) oltre agli infortunati di lungo corso Ramunno e Gassama. Si è assistito ad una partita vera con entrambe le formazioni che hanno tentato la via della rete non tirando indietro la gamba. Per la cronaca è stato il Cosenza a passare per primo grazie a Romano, abile a rubare palla ad un avversario e a trafiggere il portiere locale. Dopo tre giri d’orologio, tuttavia, Carelli trovava il gol dell’1-1 per i padroni di casa.  (Gian Paolo D’Elia)

Related posts